scrivi

Una storia di CuorDiPolvere

Venùsia

253 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 05 ottobre 2018 in Avventura

0

Venùsia era il nome di lei, ma nessuno se lo ricordava, perché appariva e se ne andava fulminando: su nei borghi corse voce sussurrata da echi che si arrampicavano sui palazzi, di storie di miracoli e preghiere.


Mastri d'arte nascosero la di lei visione nelle note di una lirica, ne affidarono il segreto alle lettere impenetrabili di un atto terzo; fra i primi gli scultori ne videro i bei lineamenti in sogno.


Ai crocicchi delle vie c'è ora una statua.
La pioggia che le stilla dall'archetto è benedetta, ci guariscono gli storpi, Lei è l'unica porta d'accesso alla Veglia senza sonno.


Nel perdono cadevano in ginocchio gli uomini di guerra, il cui dolore era quello di una vita rubata; Lei ne asciugava le lacrime, ne consolava le anime, nel perdonare sempre si prendeva l'ultima cosa del morto.
Per altare sventolano le spade dei caduti, i bastoni dei vecchi, i giochi dei bambini.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×