scrivi

Una storia di Maricapp

Questa storia è presente nel magazine Col cuore

Attenuanti generiche

Ovvero tempeste emotive

181 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 04 marzo 2019 in Altro

0


Una «tempesta emotiva» determinata dalla gelosia può attenuare la responsabilità di chi uccide.

Anche sulla base di questo ragionamento la Corte di appello di Bologna ha quasi dimezzato la pena a Michele Castaldo, 57 anni, omicida reo confesso di Olga Matei, la donna con cui aveva una relazione da un mese e che strangolo’ a mani nude il 5 ottobre 2016 a Riccione (Rimini).

In primo grado era stato condannato a 30 anni dal Gup di Rimini, per omicidio aggravato dai motivi abietti e futili.

Davanti alla Corte di assise di appello di Bologna il pg Paolo Giovagnoli, nell’udienza del 16 novembre, aveva chiesto la conferma della sentenza.

Ma i giudici, pur riconoscendo l’aggravante, hanno ridotto la pena a 16 anni, concedendo le attenuanti generiche.

​​​​​​​


Il delitto d’onore è rimasto in vigore nel codice penale fino al 5 settembre 1981, data in cui il Parlamento decide finalmente di abrogare la «rilevanza penale della causa d’onore» come una disposizione retriva e umiliante in stridente contraddizione con i diritti civili conquistati nel corso degli anni Settanta.

Ora la Corte d'Assise e d'Appello del Tribunale di Bologna ha in qualche modo ripristinato, con motivazioni diverse ma nemmeno tanto, l'obbrobrio del delitto d'onore.

Fortunatamente la Procura Generale farà ricorso in Cassazione contro questa inqualificabile sentenza.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×