scrivi

Una storia di marinaf

L'eco delle zanzare

Così fuori, così dentro

256 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 29 agosto 2018 in Altro

Tags: #riflessioni

0



zzz zzzzzzz zzzzz No, non ci posso credere! Mi sono svegliato anche oggi! Ma perché?! zzzz zzz zzzzzzz un fastidio assoluto mi pervade, una frustrazione senza confini. E così, il rumore delle zanzare, che tanto detesto, riecheggia nella mia testa e si mescola ai miei pensieri infausti e scuri. Una metafora della vita: fastidio, dolore, fastidio, dolore.... frustrazione. Un senso di oppressione, di ineluttabilità, accompagna questo orribile ronzio interiore ed esteriore. Un mondo dove niente ha un sapore genuino, dove ciò che è giusto per i più, in realtà è sbagliato, dove ci si frega a vicenda, dove non riesco a rimanere a galla nonostante tutti i miei sforzi. A 53 anni mi trovo a sognare un'altra dimensione, dove il mio corpo non ha più peso e la mia anima può fluttuare ovunque senza essere schiacciata da parole o azioni. Punto.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×