scrivi

Una storia di StefaniaPanetta

Come una vecchia canzone

167 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 31 ottobre 2018 in Poesia

0

Sei come una canzone

di quelle che la nonna sentiva al giradischi.


Teneva la puntina tra le dita e la poggiava piano sul vinile

e quando il disco iniziava a girare

si sentiva sempre quel leggero stridio e quel gracchiare

come se il cantante si stesse schiarendo la voce prima di cominciare.


Io ogni volta mi portavo le mani alla bocca

perché temevo che il disco si sarebbe rovinato,

ma poi dopo pochi secondi partiva una musica soave

che mi accarezzava la schiena e mi faceva sorridere.


Tiravo sempre un respiro di sollievo.


Stare con te è come quella frazione di secondo in cui stai con gli occhi spalancati e le mani sulla bocca.


Non sai bene cosa succederà

senti solo un morso allo stomaco

che è un misto tra paura e attesa e stai lì,

aspetti che qualcosa accada e ti travolga.

Tu lo hai fatto,

mi hai travolto completamente.


E io ora non so come comportarmi,

non so che fare.


Me la ricordo mia nonna

mentre ascoltava quella vecchia canzone

si metteva vicino alla finestra

e sorrideva.

Le rughe intorno agli occhi si baciavano

sempre più vicine,

mentre guardava assorta fuori dalla finestra

e le chiedevo perché ascoltasse sempre quella canzone,

perché proprio quella.


Lei mi rispondeva

che le sue note erano state scritte per farle battere il cuore,

che ogni volta che la sentiva ripensava al suo grande amore,

che ora non c'è più,

anche il suo cuore batteva allo stesso ritmo,

mi aveva detto.


Era stata scritta per loro.


Non so cosa succederà,

ma ogni tanto guardo fuori dalla finestra

quando parte la nostra canzone

e sorrido.


Chissà perché.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×