scrivi

Una storia di MarcoPolli

Silente clausura

La desolazione della pandemia

38 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 11 luglio 2021 in Poesia

Tags: #Covid19 #Pandemia

0


Ho visto la gente

che prima si salutava

viaggiare distante,

senza che più si conoscesse.


Ho visto le persone

che andavano di corsa

tornar sui propri passi,

sull’altro lato della strada.


Ho udito la gente

che un tempo parlava

tacere impaurita,

distante e da sola.


Ho ascoltato il silenzio assordante

del terrore che serpeggia silente

tra solinghi e sparuti fantasmi,

miasma di morte tra vite sospese.


Contemplo le urla del tutto che tace,

la gente non parla se tutto va male,

ci vuole coraggio, al tempo di un virus,

a viver d‘istanti, vivendo distanti.


© - Marco Polli


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×