scrivi

Una storia di Isina44

Sùbito

427 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 01 marzo 2019 in Poesia

0

Nel folto, inestricabile

intreccio di viuzze livide

cercavo di sistemare

trappole indistinguibili,

nebbiosi labirinti

che fossero varco instabile

di tumultuosi mari.

Aperte le vele al vento

issati gli aguzzi alberi,

tagliavo con mani stridule

la gelatina immobile,

tronfia ed indifferente

che sequestrava l'anima

e sghignazzava gelida.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×