scrivi

Una storia di Giorgia91

Riflessioni Pomeridiane

236 visualizzazioni

minuti

Pubblicato il 04 febbraio 2019 in Storie d’amore

0

Anche d'inverno andremo a fare passeggiate sul mare e lo guarderemo con nostalgia pensando al profumo dell'olio di cocco sulla pelle e alla libertà dei piedi nudi sulla sabbia calda...

Anche una rosa quando appassisce ,rimane sempre una rosa e la ricorderemo quanto era bella con i suoi petali che si schiuderanno al poggiarsi dei raggi del rose trapassare dalle tende...

Anche gli alberi spogli ad ottobre non perderanno la loro magia nel svestirsi per accogliere l'inverno,e mentre camminerai sul suo tappeto noterai pian piano il silenzio delle foglie cadere lentamente...

Sebbene sia un cielo grigio,non smetteremo di poggiarci gli occhi sopra per poterci trovare una speranza o per poter guardare da lontano chi abbiamo perduto pensando che i loro occhi siano per noi, che ci guardano come spettatori in questa vita terrena...

Io sono riuscita a estrapolare la bellezza in ognuno di loro.

A quanta compagnia mi ha potuto fare la mia rosa,che guardandola mi addormentai.

Al mio cielo dalla finestra quando non riuscivo a dormire e gli supplicavo la forza.

Al mio mare profondo che se potesse raccontarci tutti gli sguardi ,lui ce li racconterebbe tutti,a tutti i baci romantici in riva al mare,a tutti i pianti soffocati di chi speri tornasse da te ,alla solitudine.

Io li ho raccontati tutti al mare,il mio confidente preferito...

Molti di noi amano il mare solo d'estate,forse hanno paura di sentire il vento delle stagioni passare,le rose le apprezziamo solo quando sono belle che fiorite,io le amo anche vederle appassire continuo ancora ad annusare i petali anche se so che non sentirò nulla ,come un ricordo svanito che pur sempre rimane dentro...

Il cielo quando è in tempesta non piace a nessuno,perchè si riesce a sentire quello che si ha dentro,ma la tempesta lava via le impurità per dar spazio a un giorno di sole...

Ad alcuni non puoi piacere e invece altri impazziranno per te ,altri penseranno che sei il miglior spettacolo della loro vita,altri ti odieranno per sempre .

Perchè siamo fatti per quei pochi che sanno trarre la bellezza in tutto.

D'altronde io lo so, non vi è cosa più bella di dar voce al sentimento in questa notte di tormenta soffia il bego... Ma ecco che quella lama di luce taglia la nuvola grigia simbolo di cupidigia ma al tempo stesso intrinseca di affetto. Affetto si perché anche la melanconia è un emozione, emozione che fa crescere il seme dell'opinione non che della ragione. Ma la ragione è forse la colpa per cui gli angeli volano ma gli esseri umani rimangono a terra, se solo a volte non pensassimo, forse e dico forse, potremmo librarci in volo, volo di libertà, volo di amore ma semplicemente volo di meraviglia si perché è la meraviglia che porta l'uomo all'apprezzamento della natura, natura che preserva ma non attacca né distrugge, cosa che fa l'uomo se usa la ragione, forse è meglio rimanere bambini dove la ragione è subordinata alla semplice ma futile meraviglia perché tutti sanno che la meraviglia prima o poi innesca il dubbio che degenera nel meccanicismo che porta l'uomo alla visione sistematica delle cose al non apprezzare ad esempio, la goccia di rugiada sulla foglia che attraversata dalla luce da luogo ad un arcobaleno.

Ma come detto dalla meraviglia si scagiona la logica che conduce alla conoscenza, come scrisse Platone nel Teeteo: "Ed è proprio del filosofo essere pieno di meraviglia, né altro cominciamento ha il filosofare che questo essere pieno di meraviglia".

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×