scrivi

Una storia di Maricapp

Questa storia è presente nel magazine Col cuore

Tu che non sai

Run baby run

171 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 28 luglio 2019 in Altro

Tags: #corsaincomprensioneinfanziaviaggiovita

0


Mi ferisci quando dici che ho una malattia certa: l'adolescenza tardiva.

Malata di infanzia o fanciullezza? Non me ne vergogno.

Quanto poco mi conosci e come non capisci!

Nessuno più di chi non ha avuto non ha e non avrà certezze , nessuno più di chi ha frequentato l'inferno ed ancora ci scende ogni tanto può apprezzare le piccole cose.

Nessuno più di me può amare la vita nelle sue manifestazioni più semplici e nella bellezza dell'essere.

Fortunato chi ha condotto un'esistenza senza grandi scosse? Chi si adagia nel grigio della vecchiaia?

Forse.

Ma la felicità di riscoprire quello che i tuoi coetanei e non solo non ricordano, non prendono in considerazione, non apprezzano, non conoscono nemmeno, non la cambierei con la promessa di un solo giorno di uniforme e piatta tranquillità.

Ho la consapevolezza dell'aria, del tempo, dei sentimenti, della mente che spazia e sa ancora

capire e volere ed anche volare.

E' questa la vita.

E se mi fa sentire una bambina che a volte esagera beh, evviva!!

Buon viaggio persona fortunata.

E quando rischierai durante il tragitto di morire di noia guarda, con gli occhiali dalle spesse

lenti da miope, fuori dal finestrino del tuo treno senza fermate e saluta quella ragazzina che

corre nel prato saltando gli ostacoli che incontra, cadendo e rialzandosi in continuazione.

Lei sì che sta viaggiando!








Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×