scrivi

Una storia di athoszontini

Linee guida per H. H. - This is not the truth

Indicazioni per contribuire alla storia.

558 visualizzazioni

4 minuti


Gli strumenti per contribuire alla storia:

- Ognuno ha la libertà di raccontare personaggi diversi, che si muovono in un arco narrativo che va dall’inizio dei lavori dell’Hotel House fino a oggi, o di proseguire una storia già cominciata Sentitevi liberi di attraversare qualsiasi genere letterario: inchiesta narrativa, crime, horror, romanzo rosa, fino a scritture più intimistiche, diaristiche, surreali, etc. Sono bene accetti anche i contributi tecnici. Tanto epr fare qualceh esempio: elementi di botanica relativi alla cura delle zone verdi del complesso; l'impostazione del menù del ristorante; il funzionamento degli ascensori; le acconciature e i trattamenti di bellezza in voga negli anni '60; etc.. etc... L'Hotel House in fondo, voleva essere una sorta di villaggio comprensivo di ristorante, impianti sportivi, salone di bellezza. Siate quindi trasversali nella scrittura e lasciatevi andare con verosimiglianza ma con anche con la massima libertà creativa alla sperimentazione delle tante possibilità narrative offerte dall'Hotel House.

- Si tratta di un racconto in cui gli abitanti di questo complesso sono tanti, dislocati in un arco temporale dagli anni '60 fino ad oggi, ognuno con la propria vita, che ad un certo punto potrebbe intrecciarsi a quella degli altri.

- Ogni contributo deve essere introdotto da una breve sinossi (tre righe all’inizio del contributo) in cui l’autore spiega il contenuto, ma soprattutto come si inserisce nel filo narrativo complessivo, indicandone anche l'anno o gli anni di riferimento. Nei link a fine pagina troverete indicazioni utili sulla temporalità che ha scandito i cambiamenti dell'Hotel House nel corso del tempo, sulle caratteristiche costruttive del complesso, la dislocazione degli ambienti comuni e privati, ma soprattutto sulle sue promesse mancate e la decadenza di cui è stato vittima negli anni.

- Ad essere privilegiate nella pubblicazione, saranno le storie che più si prestano alla "collaborazione": quelle meno autoconclusive quindi, che offrono un rilancio e danno ad altri utenti la possibilità e lo stimolo a continuarle.

Periodo temporale in cui si svolge la storia:

- Inizio lavori dell’Hotel: in cui i protagonisti potrebbero essere progettisti e lavoratori

- Vendita degli appartamenti: I protagonisti potrebbero essere gli inquilini che all’inizio hanno acquistato la loro casa.

- Breve periodo in cui la struttura è stata adibita a congressi e conferenze.

- Fase attuale: convivenza tra inquilini iniziali e migranti con forte incremento della criminalità.

Luoghi in cui si svolge la storia:

L'indicazione di alcuni luoghi non vuole essere restrittiva, siete liberi di impostare anche altre ambientazioni se la vostra storia le richiede, ma dal momento che la una narrazione si svolge in un arco temporale così lungo, l'utilizzo di luoghi comuni, che finiscono per assumere quasi il carattere di veri e propri personaggi, può dare continuità tra momenti narrativi molto distanti nel tempo. Ricordate che il vero protagonista di questa storia è l'Hotel House.

.

- Ultimo piano.

- Hall della struttura.

- Piscina (mai realizzata).

- cortile esterno

- Ascensore.

- Scale.

- Stanza del protagonista principale.

- Una stanza in cui gli inquilini sono sempre gli stessi.

- Tre stanze in cui gli inquilini cambiano nel tempo.

Norme redazionali:

Per una maggiore leggibilità, coerenza grafica e comprensione del testo d’insieme, vi preghiamo di utilizzare le virgolette alte per le battute e di tenere in corsivo le espressioni dialettali che non sono in battuta, quindi tra virgolette.

Potreste inoltre attenervi a queste norme, utilizzate da alcune importanti case editrici:

- In una battuta singola con didascalia, se c'è punteggiatura nativa dentro (tipo ! o ? o ...) non va messa alcuna virgola.

Es:

"Come stai?" le chiese.

"Ma non lo so..." rispose.

- Se invece non c'è punteggiatura nativa va messa una virgola grafica interna (che non ha alcun significato grammaticale)

Es:

"Non ho voglia stamattina," disse.

"Lo capisco," disse.

- Quando la didascalia invece non è riferita alla battuta, ma a un’azione, meglio separarla da un punto.

Es:

“Addio.” Si voltò e andò via senza aggiungere altro.

- Se abbiamo una frase con due punti, il punto che chiude la battuta è esterno alle virgolette

Es:

Alla fine sbottò e disse: "Che voglia di uscire".

- Se c'è punteggiatura nativa all’interno della battuta invece non si mette il punto fuori.

Es:

Non ce la faceva più ad aspettare: "Andatevene tutti!"

- Se la battuta è composta, le due virgole sono grafiche.

Es:

"Non mi va di venire con te," stava dicendo, "perché sei cattivo."

- Sempre nella battuta composta, quando le due battute sono indipendenti o si vuole creare una pausa ritmica tra le due, vanno separate con un punto.

Es:

“Non ho sonno,” disse. “Tu invece?”

LInk utili

https://it.wikipedia.org/wiki/Hotel_House

http://www.portorecanatesi.it/POLIT_SOCIETA/HH/pagine/IlDepliant.htm


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×