scrivi

Una storia di Gisagi

Il cacciatore

vivere o morire

177 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 18 dicembre 2018 in Avventura

Tags: #animali #bosco #caccia #cuccioli

0

-Occhi aperti, naso in aria, guarda, annusa, ascolta – era la voce di sua madre che gli insegnava che nella loro vita saper o non saper uccidere faceva la differenza fra vivere o morire.

Così era diventato il miglior cacciatore del suo branco, bastava un fruscio, un rametto spezzato, un lontano odore portato dal vento e persino ogni fibra della sua pelliccia percepiva la presenza di una preda, una lepre forse o un cinghiale, pochi attimi e il suo scatto arrivava fulmineo, inarrestabile e il suo morso letale, portatore di sangue e di morte ma anche di cibo e di vita.

Era un bravo padre, chiamava al banchetto i suoi cuccioli, la sua compagna fedele e poi si nutriva anche lui.

Tutto questo per mangiare, digerire, riposare, risvegliarsi e poi ricominciare.

Per vivere insomma.

Quel giorno di luglio tutto scorreva, il risveglio, le corse con i cuccioli, il riposo all'ombra dei larici, le lezioni di caccia -ricordate: occhi aperti, naso in aria, guardate, annusate, ascoltate-.

Quando quello scricchiolio arrivò le sue orecchie si rizzarono.

Come sempre, come doveva essere.

Ma non era una preda.

E il grande cacciatore venne cacciato.



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×