scrivi

Una storia di Maricapp

Questa storia è presente nel magazine Racconti brevi e Poesie improvvise

Alma

Un amore ibrido

266 visualizzazioni

10 minuti

Pubblicato il 23 marzo 2019 in Fantascienza

0



Un racconto scritto a quattro mani con lo scrittore Gabriele Cecchini. Opera vincitrice nel 2014 del concorso Cultora e pubblicata da Historica Edizioni.


Gli aveva venduto il cuore. Non l’organo no, che se ne faceva uno come lui di un cuore pulsante anche se grondava sangue?

Quello che stava dentro doveva consegnare, invisibile ma tangibile per quell’anima nera: sentimenti, passioni, speranze, dolori e forse attimi di felicità .

Non voleva più ricordare gli anni di sofferenza, la disperazione assoluta quando era rimasta sola, i tanti giorni e le tante notti senza lacrime, immersa nel nulla e poi quei ricordi obbligati che ostinatamente stavano ancora lì a tormentarla dopo tutti quegli anni.

No! Lei, con quella vita sciagurata, del suo cuore non voleva saperne più nulla. Che se lo prendesse pure.

Sarebbe stata pagata con una esistenza agiata e senza sorprese per tutto il tempo che le sarebbe rimasto. Certamente, vista l’età, non molto.

Ma era proprio perché la sua debolezza era tangibile che lui le aveva fatto quell’offerta! Ed a breve l’avrebbe usato, come si usa un vecchio straccio, per non sapeva bene quali scopi.

Quanto tempo, passioni, speranze, illusioni e quanto amore aveva messo da parte lì dentro!

Perché non aveva voluto l’anima? Prima di tutto oggigiorno la possedevano in pochissimi e poi perché ne aveva già una grande raccolta, messa da parte in un remoto passato.

Si era presentato all’ora dell’aperitivo con quella ventiquattrore in morbida pelle, il completo scuro firmato, la cravatta regimental, un sorriso abbagliante, un fascino travolgente.

Bello da morire!

Le aveva offerto un aperitivo leggero, come si confà ad una signora con tutti i suoi anni e, con un candore quasi celestiale, aveva spiegato la sua identità in modo tale che lei non potesse dubitarne .

Aveva aperto, per pochi minuti, l’interno del suo malridotto cuore e lei, all’improvviso, aveva ritrovato negli angoli affetti indimenticati ed amori indimenticabili, capito che lì dentro c’era ancora tanto spazio per altre avventure di sentimenti, che forse avrebbe potuto ancora crederci.

Ma in fondo era stanca, non voleva più sbagliare né farsi male ed aveva chiuso gli occhi ed anche la porta ai ripensamenti.

Poi l’offerta, il compenso. Si era sentita salire la voglia di ridere, subito dopo quella di piangere, aveva pensato di essere ubriaca,

Ma non lo era, era soltanto nel caos più totale!

Il Diavolo che le offriva di vendergli una parte di sé con cui non voleva avere più niente a che fare.

In fondo, un’occasione imperdibile!

Lui aveva estratto il contratto, le aveva porto la Montblanc e lei aveva firmato lì, sul tavolino del bar.


L’inferno in quel futuro giaceva ovunque ci fosse qualcuno che avesse voglia di guardarlo.

Non ci sono limiti né barriere, guardatevi attorno e lo troverete

recitava un vecchio spot.

Un bunker chiamato comunemente “il negozio” che trovando l’interruttore giusto appariva e scompariva sulle pareti, nelle profondità dei pavimenti trasparenti o in controluce quando il cielo era chiaro. L’umiliazione più grande della sua lunga vita era che ogni persona potesse vedere il suo cuore dentro il negozio.

Tanto aveva resistito; e non pensate che non avesse ricevuto le proposte per vendere questo o quello al demonio.

«No, non mi interessa» aveva risposto ostinatamente.

Le amiche, i conoscenti la ammiravano e la trattavano come una dea per questo suo cruccio di restare tutta intera e non cedere alle lusinghe infernali. Sua madre stessa quand’era ancora in vita era solita accarezzarla con commozione, fiera di avere una figlia così. Il frutto del suo ventre era una donna coraggiosa, impavida e libera.

Ora finalmente sarebbe diventata una di loro e questa distanza si sarebbe schiacciata direttamente sulla sua testa canuta, ci poteva giurare.

Dal suo desolato ma caldo e conosciuto cantuccio alla gelida, impersonale massa. Strade in senso inverso che ci vuole un attimo a percorrere, meno di quanto si possa pensare.

Oh, sui cataloghi del negozio avrebbero scorto subito la novità e l’avrebbero guardata con sguardo torvo.

«Anche tu alla fine hai mollato la presa», già li sentiva.

Giù per la corrente si scivola meglio, altro che storie, andare all’insù l’aveva sfiancata e invecchiata oltremodo, ripeteva quasi a giustificarsi.

Sei una sciocca non vali niente.

Stava camminando; era sempre lei, non c’era nulla di differente rispetto a poco prima. Ma presto, lo sapeva, avrebbe pagato il conto. Lei sapeva cosa significava provare sentimenti, emozioni. Sentire.

Un momento prima di firmare, come un boato, un fulmine le aveva attraversato le viscere e su di esse aveva raggiunto le profondità in tutto il pianeta, scuotendo ogni entità. Una morte improvvisa.

Tua madre non ha mai ceduto. Tu sì.

Persa nei suoi vagabondaggi non si era accorta che un uomo la stava guardando. Immobile davanti a lei, indugiava con curiosità su ogni sua parte interna ed esterna. Arrossì. Ma non sentì nulla. Già, aveva venduto il cuore, come poteva essere altrimenti?

Dorian era un vanitoso, lo era sempre stato. Sapeva di essere un bell’uomo, così come era stato conscio un tempo di essere un bellissimo ragazzo. E non poteva né voleva invecchiare.
E perciò anche lui, davanti ad un drink, aveva firmato la sua cessione in cambio non di una eterna giovinezza, ma di un fisico attraente, adeguato all’età.

Non gli importavano le ragazze che tramite i mega schermi presenti sulle facciate dei cubodormitori lo sceglievano per un rapporto da consumarsi negli appositi e controllatissimi ero-buildings disseminati in ogni distretto, non era interessato alle offerte di uomini, donne o peggio di ibridi che gli arrivavano sugli occhiali ormai superati che si ostinava a conservare.

A lui interessava solo l’apparenza, non era mai stato un pensatore né la sua vita era mai stata sfiorata da importanti domande filosofiche. Si era lasciato vivere, in balìa di quel che accadeva, non aveva mai provato grandi dolori e nemmeno grandi gioie, si era sempre interessato solo a sé stesso. Niente di più.

Fermo, alto e consapevole del proprio fascino si stava guardando intorno.

Ferma all’angolo della piazza c’era una donna con i capelli bianchissimi, ma di una bellezza luminosa. Una donna, una delle poche ormai, che certamente aveva ancora dei sentimenti. Non che a lui importasse, ma stranamente guardandola provava qualche cosa di minimo e lontano, qualche cosa di ormai perduto. Si accorse che, osservata così insistentemente, la donna era arrossita.

Dunque aveva ragione: era una mosca bianca, una rarità! Si avvicinò sorridendo, spinto da quella strana sensazione che non avrebbe dovuto provare. Lei meccanicamente rispose al sorriso, notando quanto fosse attraente quel signore non più giovanissimo.

Ed un languore, certamente l’ultimo, le salì dallo stomaco fino al muscolo che batteva ormai solo per far circolare il sangue.


Una settimana dopo


Lei se ne stava stesa sul letto, attendeva il trapasso e tremava. Lui era sotto la doccia, si sa: l’uomo è più coraggioso. Quasi sentiva la sua mancanza, di un po' di virile protezione che non guasta, poi un attimo dopo si sentiva stupida.

L’avevano fatto. Nel giro di un’ora non sarebbero più esistiti né Dorian né Alma (questo era il suo nome). In quel primo sguardo smarrito in mezzo alle voci, ai corpi e alle memorie annerite dal tempo avevano capito che erano entrambi nella medesima situazione: avevano venduto il cuore da poco, lei da un’ora e dieci in cambio della vita agiata, lui due ore e trentatré per la sua bellezza e dunque non c’era tempo da perdere.

Dovevano diventare un corpo unico per recuperare almeno un pezzetto di quel cuore ormai incapsulato, in vendita al miglior offerente. I rischi li conoscevano bene. Non c’era da scherzare.

Fin da bambini gli ibridi, coloro che si erano uniti alla ricerca di un nuovo cuore, erano stati loro presentati come mostri e già allora entrambi avevano fantasticato su questi esseri così strani, sul loro modo di sentire, provando un’innata simpatia.

Poi mentre le ore passavano, Alma e Dorian si erano sentiti così maledettamente vicini, rinfocolati da un calore dalla potenza quasi sovrannaturale e non avevano avuto paura: si erano lanciati in quell’avventura pericolosa.

Ora il processo era terminato, e attendevano in preda all’angoscia il momento in cui la fusione sarebbe divenuta effettiva. Se ne stavano per andare un pezzo di lei ed un pezzo di lui, fondendosi in un nuovo essere.

Non era quella una forma d’amore? Anzi: la forma d’amore per eccellenza? Unirsi per ritrovare i sentimenti perduti , cosa c’è di più romantico? Sono fiera di me, ho di nuovo un briciolo di dignità Sarebbero diventati dei fuorilegge, ma non importava. La decisione l’avevano presa in quell’istante in cui si erano guardati e si erano riconosciuti benché non si fossero mai visti prima.

Alma guardava fuori le scie degli aeroplani nel parco giochi lì vicino. Reperti archeologici, ma ancora i bambini non si erano stancati di guardarli. E lei, che in fondo stava per nascere ancora, si lasciava trasportare da quelle ombre di energia e materia che si perdevano nel blu-arancio del tramonto. Quasi che da quelle ceneri dovesse dipendere la sua esistenza.​Quasi che dal passato qualcuno o qualcosa le stesse gridando che, in fondo, non c’era altra via d’uscita.

Un foglietto sotto la porta. Cosa diavolo è?


Due settimane dopo


Lo avevano scoperto quasi subito. Anche se aveva cambiato il distretto, assunto una falsa identità metropolitana consona al suo nuovo essere e trovato un lavoro da ibrido : pulizia dei cubicoli degli umani.

Sarebbe potuto funzionare, certo. Ma aveva commesso un errore imperdonabile: non aveva saputo resistere all’attivazione dello schermo del Bunker per poter vedere i due cuori, per controllare se erano già stati venduti od erano ancora lì, vicini, pulsanti e zeppi di sentimenti, rimpianti, emozioni ed amore.

In quanto ibrido al momento della trasformazione anche se clandestina, cioè procurata tramite medici con ancora l’anima e proprio per questo radiati dal vecchio Ordine e non approvata dal High Council of Hearts for Sale, era stato trasferito automaticamente un pezzo, piccolissimo, di cuore di ciascuno all’interno della cassa toracica del nuovo essere.

Ma fuorilegge.

I due cuori nell’istante stesso in cui erano stati visualizzati si erano messi a pulsare all’unisono, emettendo onde alfa accumulate quando, in sintonia con la mente, erano due distinte entità.

I sensori degli Heart Watchers avevano captato immediatamente l’anomalia ed erano così partite le ricerche del colpevole.

Ora era lì, immobile ed impotente davanti ai giudici del tribunale che, come succedeva a quelli come loro, o meglio come lui, potevano percepire tutto quel poco che provava.

Ma loro due provavano il doppio, loro erano un sol corpo forse sgraziato, ma due splendidi frammenti di cuori che battevano lo stesso ritmo, non solo per far scorrere il sangue nelle vene.

Questo per gli umani, ma anche per il diavolo che si sentiva truffato e perciò defraudato della sua proverbiale malefica furbizia, era inaccettabile, di più, era inconcepibile.

Due voci capaci di dialogare tra loro, due cuori uniti in un'unica carne, insomma l’amore.

Ecco l’essenza di quell’ibrido.



«Ci condanneranno vero?»

«Certamente»

«Moriremo?»

«No, non credo. Diventeremo Guardiani degli altri cuori, laggiù in fondo, nel bunker, non vedremo mai più la luce o gli esseri umani, dipenderemo solo da Satana cioè, come si diceva ai tempi nostri, andremo all’Inferno per l’eternità»

«Era già deciso?»

«No, abbiamo scelto noi il destino dell’ibrido, come avevamo scelto di vendere i cuori. Ci siamo fatti tentare ed ora pagheremo le conseguenze. »

«Ti devo confessare una cosa Dorian che non mi dà pace. Due settimane fa mi hanno passato un foglietto sotto la porta, mentre eravamo in albergo. Diceva che anche mia madre aveva venduto il suo cuore da ragazza, aveva amato una persona con tutta se stessa e per salvarla aveva fatto come noi. Non era mio padre quest'uomo. Ho seguito le sue orme.»

«Cosa vuoi dirmi?»

«Che nel mio caso forse era già scritto... Anche lei aveva venduto il cuore con l'illusione di poter salvare la vita a lui, invano. Forse per questo era così orgogliosa di me, finché ho resistito.»

«Vuoi dire che anche lei era un ibrido?»

«Secondo me sì. Era troppo viva.»

«La storia si ripete, dunque.»

«Forse ne sono fiera, quasi felice e tu?»

«No, ma valeva la pena rischiare.»

«Forse era già scritto, allora. Come le scie degli aerei.»

«Cosa?»

«Niente, assurdità solo mie! »

«Che poi adesso sono anche mie.»

«Sì, andiamo.»

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×