scrivi

Una storia di Maricapp

Questa storia è presente in 2 magazine

Guarda tutti

Il canto ferito

Vieni a rapirmi...

143 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 29 settembre 2019 in Poesia

0

«Ho la sensazione di durare troppo, di non riuscire a spegnermi: come tutti i vecchi le mie radici stentano a mollare la terra. Ma del resto dico spesso a tutti che quella croce senza giustizia che è stato il mio manicomio non ha fatto che rivelarmi la grande potenza della vita.»

(Alda Merini, La pazza della porta accanto)


Tutti quei riflettori (non sempre rispettosi, tutte quelle luci perennemente accese su di lei da un lato hanno permesso alla sua poesia di raggiungere migliaia di non addetti ai lavori poetici, e all’affetto del pubblico di raggiungere lei, che di crediti ne aveva non pochi (“ho mille tramonti alle mie spalle”), dall’altro, trasformando maldestramente in poesie e libretti ogni sua parola, hanno inquinato il campa e accresciuto la già malcelata diffidenza degli intellettuali nei suoi confronti: ogni animale all’incontro con una specie anche leggermente diversa arretra di un passo, diffida.

(Viviane Lamarque)


Li’ sui Navigli la conoscevano tutti: usciva la mattina dal 47 di Ripa di Porta Ticinese, chiusa nei suoi pensieri, testa bassa, quasi sempre arrabbiata con tutto cio’ che le stava intorno, salvo poi aprirsi in un sorriso malizioso da ragazza sfacciata se incontrava qualcuno che, sconosciuto o no, le ispirava una momentanea simpatia.

Prendeva il suo caffè “Non mi deve niente signora, per lei ci sarà sempre il caffè caldo” accendeva l’immancabile sigaretta mettendo in risalto le unghie smaltate di un rosso squillante e se ne tornava su, al secondo piano, in quel piccolo appartamento dai muri riempiti con la sua scrittura inclinata a volte a matita a volte con il rossetto rosso , di numeri telefonici , frasi criptiche, firme di amici e conoscenti , pensieri e tutto cio’ che le saltava in mente nell’arco della giornata.

Raramente si ricordava di mangiare, cosi’ che negli ultimi tempi il Comune le offriva assistenza e pasti caldi. Anche perché le avevano chiuso il rubinetto del gas: poteva avere idee suicide, dicevano. Pare in realtà che fosse solamente parecchio distratta, come capita spesso agli anziani ma anche alle persone che hanno ancora tanto a cui pensare, da dire, da comunicare.

E ne aveva ancora tante di cose da dire: poesie, aforismi, racconti e persino canzoni. Aveva passato tutta la vita a scrivere di lei, di chi amava ed aveva intensamente amato, di chi l’aveva aiutata nei suoi momenti bui , di chi le aveva voluto bene ed aveva creduto in lei, dei suoi lunghi anni prima a Turro, poi negli ospedali di Taranto e poi ancora a Milano, al Paolo Pini.

Disturbo bipolare diagnosticavano i medici e gli psichiatri, mentre lei affermava “ È una ricognizione, per epifanie, deliri, nenie, canzoni, disvelamenti e apparizioni, di uno spazio - non un luogo - in cui, venendo meno ogni consuetudine e accortezza quotidiana, irrompe il naturale inferno e il naturale numinoso dell'essere umano".

Le sue poesie sono lo specchio dei tormenti e della leggerezza, degli amori violenti e della quiete che raramente le faceva compagnia, delle suppliche disperate e delle preghiere, delle invettive e dei ricordi.

Il suo piccolo rifugio al secondo piano non esiste piu', è stato venduto, ma tutto cio' che le apparteneva è stato trasferito in Via Magolfa, storica via degli artisti, proprio dietro a quel Naviglio Grande che tanto amava, nella Casa Museo Alda Merini, dove vengono organizzati eventi importanti che riguardano l'arte in generale, ma principalmente lei con la sua vita, le sue manie, i suo demoni e le sue poesie.

Le sue poesie sono e saranno sempre lei, anche in sua assenza lei ci sarà.


Ho vissuto dieci anni nella giungla odorosa di salici,

ero una rosa dormiente

ferma su una panchina ad aspettare

che un soffio d’avvento sanasse le piaghe dell’anima,

coglievo l’erba come si colgono i fiori

non piangevo ma guardavo fiduciosa il cielo bianco di Affori

sperando che apparissero le stelle,

a volte guardavo un folle negli occhi

e vi trovavo scolpita l’umanità che avevo perduta,

questa era la verità dell?O:P:,

questa fu la luce della mia anima inerte

che come un ferro rovente mi trapasso’ da una parte all’altra

ma era una giusta risoluzione dei miei destini

perché da una stazione imbrattata di fango

si puo’ partire verso le vie del cielo.


Alda Merini






Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×