scrivi

Una storia di BrunoMagnolfi

Presenza necessaria.

Certe volte lui si mette fermo

58 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 17 marzo 2020 in Avventura

Tags: #disagio #raccontobreve

0



Certe volte lui si mette fermo ad osservare le persone che gli sfilano vicino, quelle che entrano o che escono dal locale alla buona che è solito frequentare, mentre resta seduto su una seggiola di plastica sopra al marciapiede esterno, davanti alla via principale del paese, dove ogni tanto transita qualche macchina sferragliante che in seguito lascia ricadere ogni rumore, subito dopo quel passaggio, lasciando in aria un silenzio monotono e usuale. Gli piace a lui stare lì senza avere null’altro da fare: è come se quelle poche persone che gli circolano davanti quasi sopra ai piedi, e che spesso comunque lo salutano sfiorandolo, gli portassero ogni volta quasi una ventata di novità, persino coloro che non gli dicono niente, solamente con quella loro rapida presenza. “Oggi mi sento stanco”, fa lui senza guardarlo ad uno che si è soffermato per battergli amichevolmente una mano sopra ad una spalla; “mi sembra di aver fatto chissà cosa, anche se in effetti mi sono occupato soltanto delle cose normali di ogni giorno”. L’altro sorride, “capita, sentirsi così”, gli fa; “non c’è da prendersela tanto”.

Poi rimane solo, osserva una nuvola di polvere in fondo allo stradone, dove sta manovrando senza fretta un autocarro, poi però si accascia lentamente su se stesso, ed alla fine cade a terra, proprio davanti alla sua sedia, senza dire niente, senza neppure chiedere alcun aiuto. Passa qualche minuto ed alla fine qualcuno lo vede così, appoggiato su di un fianco sopra al marciapiede, ed in tre o quattro lo tirano subito su, cercando in fretta di fargli riaprire gli occhi, di fargli dire qualche cosa, di comprendere che cosa sia che non va improvvisamente in lui, in quel loro bravo concittadino. Viene portato un bicchiere con dell’acqua, una salvietta inumidita per rinfrescargli il viso, mentre già qualcuno più esperto gli sente il polso e gli apre la camicia. Lui alla fine muove la testa, si guarda attorno con estrema calma, socchiude le labbra senza ancora dire niente, mentre intorno gli esprimono parole di incoraggiamento.

Infine torna a rimettersi seduto, esattamente come stava prima, e beve un sorso d’acqua senza neanche avere troppa sete, mentre chiede in giro a voce bassa e con uno scarso interesse che cosa realmente sia accaduto. “E’ la noia di starsene sempre qui”, fa qualcuno per sdrammatizzare, “che certe volte ti porta a perdere la testa”. Altri ridono, le cose rientrano poco per volta nella piena normalità, anche se a lui viene chiesto, casomai, se desiderasse andare a casa sua, oppure da un medico a farsi visitare. “No, non ha importanza”, fa lui senza più muoversi; “forse me ne vado per i fatti miei tra una decina di minuti, ma per adesso vorrei stare ancora qui”. Tutti riprendono le loro consuetudini, e solamente uno che lo conosce da sempre gli si siede accanto per parlargli di qualcosa che, per come è fatto lui, a dire la verità sembra neanche interessarlo. “Le cose vanno in questo modo”, lo interrompe però a un certo punto. “Ci guardiamo attorno per imparare dagli altri quanto sia possibile, e poi non serve più, tutto è annullato, così, all’improvviso”. “Si, è proprio in questo modo, fa l’altro, e sembra quasi che il nostro arrabattarci sia solamente una maniera per ingannare il tempo, per riempirlo di significato, per dare un qualche senso a questa corsa”. Poi rimangono tutt’e due in silenzio, forse riflettendo a quanto si sono appena detti. “Allora adesso me ne vado”, fa lui alla fine; “tanto mi pare che per stasera non ci sia più neppure bisogno della mia presenza”.


Bruno Magnolfi


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×