scrivi

Una storia di DomenicoDeFerraro

Questa storia è presente nel magazine FILOLOGIA E FILOSOFIA NAPOLITANA

BLUES DI LUGLIO IN AUTOBUS

76 visualizzazioni

6 minuti

Pubblicato il 19 luglio 2020 in Storie d’amore

0





Sole di luglio , sole di lengua , sciogli in me tanti ricordi , come quando quella volta sono asciuto pazzo appresso ad una guagliona, dentro l’onda del mare burrascoso, schiumoso , insieme a tante scetavaisse , ballai coppe allo munno , affondando le mani nella sabbia. Sballato , malato , non mi facevo capace che l’ammore mi aveva tradito per ire , verso altri lidi e mentre io andavo dietro a tante disgrazie mi abbandonai nella mia dolce favola dell’estate.


Nella mia ragione poetica , divenni un toro ferito che muove la coda nel tramonto della sua vita , mossi i miei passi lungo spiagge immense , sentivo lo core che mi sbatteva m’pietto, sentivo a vita che mi lasciava dentro a tante ingiustizie. Ora tutto è passato mi rilasso e penso a te sopra ponte vecchio e ti chiamo ma tu non rispondi . E mentre piango la morte di un vecchio amico , stracco nun saccio che pesci pigliare . Ora mi elevo dentro un sospiro di pace , nel soffio del vento che vola e va , oltre mi conduce, sfastriato nello sciore della giovinezza appassita ,assomiglio a tanti gliommeri nello scrivere versi che mi gorgogliano nel pensiero nella frescura , sotto le fronne , degli alberi in fiore. Penso tanto al tempo trascorso , ascolto la bella canzone dello tempo andato , ripenso a te , mentre scendo nell’inferno delle mie passioni , rassignato dentro una nova canzone. Rimango, appocondruto dentro un altro motivo musicale poi scendo e vado alla processione.


Le parole sono di rame , sono di ferro, l’ammore è una carogna che abbaglia e fa figli sotto la luna di luglio , partorisce mezzo all' erba bagnata dalla rugiada del mattino. Ed io sento il fischio dello treno passare , correre , sopra alle rotaie arrugginite , migranti , scintillanti , quanta gente e asciuto pazze stamattina appresso a chesto corteo funebre . Poi tutto è vano come fosse un tarlo che mi rode dentro il cervello . Per quanti giorni ti ho aspettato , ritornassi vestita, tutta di rosa , con il tuo sorriso appeso alle tue rosse labbra.


Quante pene , tenevi astipato dentro questo petto ,

in questo amore fatto di plastica e di cartone.

Non mi hai mai dato il tempo di capire

Non era rimasto tempo , neppure me stessa .

Sono nuda nella tua ragione

Ed io che credevo di essere tuo

Ti sei sbagliato, non ti sei fatto la barba di nuovo stamane

Ho preso l’autobus delle sette

Sei un indisciplinato

Non credo che gusterò questo gelato

Facciamo come fossero n’ammurato come tanto tempo fa

Volesse truva pace

Io una spiaggia libera , nu poco fresco, sotto l’ombrellone

con una bella fetta di melone

Pensi sempre alla panza

Sono una cagna

Sei un ondata di calore

Spero un piacere

Come fosse stato bello se tutto fosse stato vero

Hai chiusa la porta di casa dei tuoi ricordi? sai posso entrare i ladri

Cammina , chi vuole che se li rubi

E se si rubano chesto core

Io vado dalla polizia

Mi prendi in giro ma io ricordo quando mi lasciasti mezzo a piazza Dante con due povere creature con i fiocchetti intrecciati nei capelli.

Il tempo è passato ci ha resi assai simili nell’errore commesso

Ora vorrei passeggiare e non pensare altro

Questa volta me lo mangio quel gelato al pistacchio

Credevi che ti fossi scordata

Come posso dimenticare, quest’anima mia appassionata

è una stella mezzo allo cielo

Io ti confesso mi sento una barca alla deriva

Ci vediamo stasera a piazza plebiscito

Mi raccomando alle otto in punto.







Questa vita mi ha segnato assai , mi ha corrotto, mi ha condotto dall’altra parte la su quel ponte, mi ha lassato a pensare che l’ammore rimane una carogna , un sogno proibito , forse una canzone che arape le scelle e vola verso altre confini , tra i vicoli sporchi che addorono di mare e miti sentimenti. Ed io ho vissuto in mille artifici , ma mi prenderò la mia rivincita , quando tutto sarà passato, venderò questa passione al mercato tra le fronne di limone ed i carciofi , le carote arancione , tra gli strepiti della gente che passa e va verso la marina a tuffarsi dallo scoglio con e senza mutande.


Poiché non esiste una morale che mi possa condannare , poiché viviamo secondo la legge della giungla e in questa corsa verso l’ossesso le mie ossa scintillano al sole d’agosto.

E non credevo fosse tutto possibile , quasi mi sembrava di stare due passi dalla morte di un era , ad un passo dall’essere contagiato .

Non pensarci ho comprato una bottiglia di birra , una , due, forse tre per placare questa sete d’ ingiustizie ,questa voglia di libertà , questa voglia di caffè.

Beviamo fino ad ubriacarci

Possa il cielo liberarci dal male

Ci pensi a Gigetto

Che cretino che sei

Non lo dire in giro che lo chiamo Gigetto

Tu lo chiami Gigetto io la chiamo Luisella

Che coppia che siamo

Sotto questo sole

Io allungo la mano

Non ti permettere io sono una signora

E se ti sposo

Se mi sposi io mi spoglio

Io mi squaglio


Ed ora mi rilasso e penso di andare a vivere a Milano. La tra tanti grattacieli , di certo troverò una gatta da dare in sposa a questo mio sorcio , cosi darò cinque, sei schiaffi alla mia cattiva sciorta e mi riconoscerò nello scrivere improvvisato nello sbaglio, mi abbocco tra la folla , dato sono fatto di carne anch’io . Io sono di spirito e ossa , sono tanti anni orsono che ho rubato il fuoco agli dei i quali mi hanno incarcerato dentro un carcere insieme a Gennarino che faceva il battilamiero si vantava di avere un pisello assai lungo , una comara a porta capuana , un amante ad Avellino . Ed avrei voluto vomitare tutto lo schifo provato e visto in questa vita ma sono rimasto al mio posto a ripensare all’ imbroglio ordito nei mie confronti , legato ad un malessere mi ha preso per mano, mi ha portato per altre mete immaginarie , cantando la mia libertà perduta che dalle ali bianche vola in alto come fosse un gabbiano , quasi a sembrare una virgola nel cielo azzurro. Quanto avrei voluto fuggire da quel mio carcere condominiale andare a Madrid a cavallo di una nuova fantasia.


Ma le parola sono amiche e nemiche della mia ragione poetica , sono fatte di varie leggende , miste di varie leghe , hanno l’aspetto di ametista . Ed elle sono tante , alcune belle , altre volgari , altre figlie del volgo, figlie di sere e di notte d’ammore , sono simili a chesta sciorta che scivola come l’acqua sporca, sotto i marciapiedi . Ed elle si mostrano sotto il sole , poco mistiche , assai cretine , scarabocchi su fogli di carta bianca , su cui allacciare le proprie idee filosofiche . Cosi passo e butto l’uocchio in giro e sono finito nello vascio della signora giuseppina che non ha voluto sapere di accattarsi i libri della fabbri editore , all’epoca dei fatti , cosi io sopra al cumulo di monnezza ho gettato via ogni cosa , ogni mia speranza ed ogni mia canzone. Lascio un errore grammaticale e piglio un'altra scorciatoia epistemologica , questa vita spesse volte non tiene rispetto per chi soffre , mi tiene spesso per mano e mi porta verso il mare come fosse di nuovo fanciullo io canto a Napoli come a Firenze , trionfalmente a Ravenna mi fanno tanti complimenti . Questo blues viaggia con me in un autobus , ove scrivo tanti versi sciagurati . Fermo al mio posto , vicino al finestrino , osservo il paesaggio scorrere , non piango , ne rido nel mio dire continuo ad inseguire fiabe e leggende ,provo a narrare storie, varie realtà , mi trasformo in diversi personaggi e rassomiglio assai, almeno cosi dicono i miei amici ad un povero cristo in croce nel giorno del giudizio.



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×