scrivi

Una storia di Katzanzakis

Una bambina sola

225 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 16 dicembre 2018 in Altro

0

C’era stata una pioggia fredda, al mattino, di quelle che lasciano il cuore intirizzito ed un desiderio di camino e di focaccia fritta.

Per strada solo rari viandanti frettolosi, con le mani in tasca e gli occhi bassi.

La bambina affrettò il passo, la corta gonna a quadri che sembrava danzare, alla fioca luce dei lampioni, a ritmo con le lunghe trecce chiare e la grossa borsa gialla di paglia.

All’aprirsi di un portone, per un attimo le note di una chitarra si fecero strada tra le ombre della sera, come un inatteso intrufolarsi di vita in una natura morta.

L’uomo apparve all’improvviso, come dal nulla.

Ehi, ehi, ehi piccola, dove vai così di corsa?

La bambina accelerò il passo, senza rispondere.

Dove corri, piccola, tutta sola al buio?

Così dicendo la fermò bruscamente, mettendole un braccio sulle spalle magre.

La bambina cercò di divincolarsi, ma l’uomo la teneva ferma, cercando di tranquillizzarla.

Sssssss, stai tranquilla, non succede niente, sei col vecchio Bran, adesso, non devi aver paura...

In quel momento un fortissimo boato, poco lontano, fece tremare i vetri delle finestre e provocò la fuga improvvisa degli uccelli che avevano trovato, sugli alberi, il consueto riparo per la notte.

Cazzo e’ stato? disse l’uomo sussultando.

Una bomba, che altro? disse la bambina con voce ferma e stranamente tranquilla. Al pub dove vanno sempre a bere i fottuti inglesi!

E come fai a saperlo? chiese l’uomo improvvisamente inquieto.

Perché l’ho messa io, sotto al bancone del bar.

L’uomo la lasciò andare di colpo, come se le sue spalle improvvisamente bruciassero.

La pistola sembrava enorme nelle piccole mani della bambina.

Nessun testimone, disse, mentre sparava. Un porco in meno, aggiunse, magari beveva pure birra con gli inglesi...


Nell’allontanarsi, la corta gonna a quadri danzava a ritmo con le lunghe trecce chiare e la grossa borsa gialla di paglia, parodia d’infanzia, nella stagione dell’odio e della rabbia.









Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×