scrivi

Una storia di Mrhappy

L'IMPORTANZA DI UNA FOTOGRAFIA

"Non abbiate paura dei ricordi"

392 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 05 novembre 2018 in Altro

Tags: #fotografia #nostalgia #ricordi

0

Certe volte scorri le fotografie, vedi dei volti: tuoi e di altre persone. Sono lì, fermi, nessuno può muoverli, non possono muoversi, ma sembrano vivi. Sono vivi. Come manichini, come ombre che ti seguono passo dopo passo nella tua vita, ti sono dietro. Sembra quasi inutile o assurdo questo pensiero, ma rivedendo alcune foto ho capito davvero chi sono, perché sono qui, quanto sono cambiato e quanti anni sono passati in poco tempo. Con uno scatto rapido si può immortalare un ricordo indelebile. Persone e cose che ora non ci sono più ma hanno fatto parte della tua vita, sono state con te, sono te. Più di un tatuaggio, più di un libro, più di una memoria. Una foto. Avevo i capelli lunghi lì e ricordo quel momento come se fosse ieri: una finta barba che era più che altro peluria (per sembrare più grande) e tanti amici; i soliti. Eravamo uniti, compatti; avevamo giurato amicizia eterna, eravamo felici, non avevano pensieri, eravamo sereni. Passano gli anni e con loro la finta barba diventa una barba lunga, quei capelli selvaggi diventano corti, cambia il viso, cambia il modo di pensare, cambiano le ambizioni, cambiamo noi. Alcuni di loro non hanno più capelli, altri sono ingrassati, con altri non ci scambiamo nemmeno un saluto. È passato tanto tempo, alcuni non sanno nemmeno della mia partenza, non sanno e mai sapranno il perché della mia partenza, non sanno che sto scrivendo di loro; forse loro si saranno completamente dimenticati di me. Ma io no. Sfogliando le foto li rivedo, rivedo tutti noi, rivedo quel 2010, rivedo quella festa, rivedo noi sul divano e sul terrazzo a ridere e scherzare; ricordo i vari giochi fatti e le candeline spente, i discorsi che facevamo per il futuro: "Quando sarò maggiorenne...", la nostra stupidità, la nostra immaturità, le nostre promesse e le nostre risate. Siamo vivi in quell'istante e anche se adesso non siamo più nulla e siano lontani, so che siamo stati così, lo eravamo davvero e ci credevamo davvero. Non so adesso dove siete e cosa fate, non mi importa se pensate a me o vedete quella foto ogni tanto, non mi importa di nulla a dire il vero, so solo che ho la consapevolezza di aver vissuto certi momenti belli, sono contento di averlo fatto ed ho capito l'importanza di una fotografia. In un pomeriggio di festa tornano in me questi ricordi ed avverto una dolce nostalgia. Appoggio la foto sulla scrivania, timidamente sorrido e ritorno al mio presente. Le fotografie come un diario segnano la nostra vita, da quando siamo nati fino al giorno in cui esaleremo il nostro ultimo respiro. Fate tante foto, scattate, non abbiate paura dei ricordi, possono aiutarvi anche se con molta nostalgia.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×