scrivi

Una storia di Silvia64

Un sogno

214 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 05 gennaio 2019 in Altro

0

Buonasera, mi chiamo Massimo e quello che sto per raccontarvi è una storia che ha dell’inverosimile. Tutto è successo con la velocità di un battito di ali e, ancora adesso che sono passati degli anni, stento a credere che sia capitato proprio a me.

È cominciato in un giorno qualunque quando, svegliandomi una mattina e guardandomi allo specchio, non mi riconobbi e per quanto mi sforzassi di ricordare, la mia mente non mi aiutava anzi più mi guardavo allo specchio e più vedevo un estraneo preoccupato e niente altro. Subito mi venne la domanda “chi ero” e soprattutto “dove mi trovato?” Dopo l’iniziale shock decisi di vestirmi e uscire di casa (una casa che non conoscevo più, con vestiti che sembravano non appartenermi).

Per strada mi guardai intorno nell’intento di memorizzare punti di riferimento ma inutilmente. Durante il tragitto presi una decisione… sarei andato alla ricerca di qualcuno in grado di aiutarmi. Camminando per la città mi imbattei in una insegna che diceva “vendesi nuove identità”. Capii allora che mi si stava offrendo una occasione più unica che rara ed entrai. L’omino che era dentro si presentò e subito dopo mi mostrò una vasta gamma di persone che sarei potuto essere, il ballerino, il manager, ma io fui attratto da un personaggio che, primo fra tutti, avrei voluto diventare. Dietro invito dell’omino chiusi gli occhi e… ecco che finalmente si avverava un’esperienza unica. Pieno di emozioni riaprii gli occhi, mi guardai intorno sempre più eccitato verso i riflettori, presi in mano il microfono e comincia a cantare.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×