scrivi

Una storia di Pmconsulting

Un Altro Mattone Sul Muro

66 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 18 luglio 2019 in Fantasy

0

https://youtu.be/YR5ApYxkU-U


Qualcosa di impercettibile, strano ma reale aveva istintivamente attratto la sua attenzione fuori dalla finestra, un movimento come meccanico, un qualcosa che sembrava marciasse nell’enorme cortile dell’enorme complesso scolastico dove suo malgrado era costretto a stare e a far finta di studiare, …e la musica, quella musica la conosceva ma come faceva a sentirla….


Si alzò malgrado le grida della professoressa ovattate ora dal quel suono ben conosciuto, e affacciandosi alla finestra li vide, enormi martelli rossi e neri che marciavano in coppia al ritmo di quel suono, tutto si confuse e comincio a girare, ad un tratto visualizzò davanti a se un muro che lentamente, ma inesorabilmente, mattone dopo mattone si alzava, ma un’energia sconosciuta lo pervase e una inarrestabile voglia di abbattere quel muro, e il bisogno di ribellarsi al quel mondo, di distruggere tutto e sfogare la rabbia che gli stava montando dentro, lo costrinse con un enorme sforzo contenitivo a girarsi, e li vide i suoi compagni di classe, sembravano enormi, deformi con una strana luce negli occhi, e anche lui si sentiva così, cominciarono quindi a “neutralizzare” tutto quello che trovavano iniziando dalla terrorizzata insegnante, fino a trovarsi con tutti gli alunni fuori dalla scuola in fiamme e a marciare sulla città , bastò una telefonata dal telefono a gettoni di un bar appena distrutto per canalizzare la rivolta su un’altra scuola, e poi un’altra ancora , e poi un’altra….



Quella stupida razza quel meraviglioso pianeta lo stava distruggendo… già da tempo aveva attirato l’attenzione delle loro capacità quantistiche universali, che verificarono la liberazione dell’energia degli elementi della fisica universale primaria direttamente sul pianeta che li sosteneva, anziché nel libero spazio siderale che lo circondava, ora decisero che era tempo di intervenire per eliminarla e dar spazio allo sviluppo verso l’intelligenza connessa ad un’altra specie…..

Non fu difficile entrare nelle menti non ancora formate degli elementi non del tutto maturi ed ordinar loro di far quello che era necessario….


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×