scrivi

Una storia di LuisaCagnassi

MI VA Di SCRIVERE

scoprendo me stessa

1.2K visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 05 aprile 2016 in Giornalismo

Tags: #anima #autostima #conoscenza #Libert

0

IL MIO MONDO NUOVO.

Pigiando le dita su questa tastiera, percepisco un fremito. I polpastrelli scorrono, quasi a comporre le note di una melodia sui tasti di un pianoforte.

Sullo schermo luminoso le parole diventano magicamente musica.

Una sensazione che il piacere di scrivere ha innescato in me, sin dai primi approcci con il computer.

Arnese astruso, sconosciuto e senza vita: freddo. Il primo m’innervosiva, mi sentivo abbandonata a causa sua. Ore oltre il lavoro, dedicate a lui, non a me, per scoprirne i segreti.

Ora ne possedevo uno tutto mio. Potevo elaborare qualsiasi ricerca.

Io, signora di mezza età romantica, capace di regalarsi un frammento emotivo, solo nelle occasioni. Dedicare versi, vuoi per un matrimonio o una ricorrenza, mi gratificava. Improvvisamente mi sono ritrovata in uno spazio immenso a sfogare le personali emozioni.

Quelle che nessuno, fino a quel momento, ha mai saputo ascoltare, che da sempre tenevo celate dentro, nel più profondo dell’anima.

A quel punto, mi lascio andare, le parole escono timide. La connessione tra mente, cuore e dita, non è ancora collaudata, manca di esperienza.

Dentro di me si apre una sensazione nuova, simile a un fremito di piacere. Sto partorendo il mio ego, leggendomi incomincio a capire chi sono.

Sbiadisce la donna di casa, tutto dovere e dedizione, animata da amore e passione per tutta una vita. Votata a ciò che il prossimo voleva vedere e non si curava di stare a sentire.

Leggermi sul foglio bianco del display, incominciava a piacermi in modo passionale, quasi.

Ho imparato a esprimere me stessa, le mie emozioni, il mio urlo di disappunto, se necessario. Mi leggo io soltanto, ma ho appreso adesso chi sono e cosa voglio, a rispettare il mio lavoro.

Scrivo, oltre ogni discussione o commento negativo. Affronto battaglie devastanti, punto i piedi se è il caso. Voglio continuare a farlo.

Per me, perché mi da piacere, perché i miei nodi si sono sciolti. Ho acquisito un coraggio che non conoscevo: sono io.

Tuttavia, il mondo là fuori, cosa ne penserebbe se decidessi di condividere le mie emozioni? La mia è solo un’illusione: in fondo non sono nessuno.

Scrivo, i tasti scorrono sempre più veloci e ora, sono un tutt’uno, cuore mente e dita. Collegati fluentemente, collaborano in modo perfetto, si conoscono.

Approdo ai social network, me lo hanno consigliato per promuovere il mio lavoro più importante. Le poesie, acerbe, umili e timide di donna di mezza età, animata dalla presunzione di credersi scrittrice. Che importa? Mi fa sentire bene.

Entro in un mondo sconosciuto colma di titubanze e in segreto. I pareri sarebbero contrari: comunicare e mettersi alla mercé di chissà chi, è sconveniente, non è serio.

Ho affrontato ancora battaglie e lotte, per mantenere il posto in questo mondo nuovo. Faticoso, perché nonostante tutto, continuo a compiere i miei doveri di donna, sacrificando le ore di sonno, gli svaghi o le passeggiate, quasi fosse un amante.

Quante nozioni nuove ho memorizzato e quante ancora ne potrò memorizzare! Ho tolto quella maschera inutile, indossata a lungo senza pormi troppe domande.

Il cuore resta lo stesso, la consapevolezza è maturata.

Ora ho nuove amicizie, virtuali certo, capaci di ascoltare le mie emozioni, apprezzare i miei versi. Persone sconosciute, che tuttavia, mi regalano un sorriso e un complimento quotidiano, linfa essenziale, per la mia rinata identità.

Ciò che scrivo, è gradito a qualcuno, deduco di non essere poi così banale, in fondo.

Ho scovato qui, ancora una volta, la chiave della mia personalità, aprendo le porte della fantasia, senza freni o remore.

Ascoltando chi necessita di una buona parola, donando un po’di cuore in cambio di soddisfazioni che mai avrei pensato di ottenere.

La soglia tra i due mondi, continua a scorrere su questa tastiera, come la più coinvolgente delle melodie e a lei, davvero, non saprei rinunciare per nulla al mondo.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×