scrivi

Una storia di LaCasaDiCarta

Questa storia è presente nel magazine Risate e lacrime

Il nipote del Conte Dracula

457 visualizzazioni

5 minuti

Pubblicato il 20 febbraio 2019 in Humor

Tags: #comico #Dracula #horror #vampiri

0

Solo trascorrendo 7 giorni nel castello avrebbe potuto convincere il Conte ad acquistare le 5 case londinesi. Il Conte era olandese e aveva messo questa come unica condizione. Vlad Van Pyro era conosciuto per la sua brutta fama. C'era chi affermava che fosse un non-morto ma visto che non amava uscire la sera né frequentare donne e non beveva e non fumava c'era qualcuno che affermava che fosse un non-vivo. L'avvocato Harper giunse nel castello il primo lunedì del mese di dicembre.


Trascorse la notte nella gigantesca camera da letto riservatagli dal Conte. La mattina si fece la barba e lasciò il rasoio sporco di sangue nel lavandino visto che si era appena tagliato. Il Conte Van Pyro si ricordò di un vecchio film interpretato da suo nonno Dracula e così prese il rasoio e lo leccò. Peccato che lo leccò dalla parte della lama mozzandosi così la lingua. Harper sentì le urla del Conte e corse in bagno in suo soccorso. "Mgjdjngmpf" disse il Conte che con la lingua tagliata non riusciva a parlare correttamente. In quel momento però notò che dalla tasca dell'avvocato sporgeva una foto.

Era la fidanzata di Harper, Mina. Il Conte l'aveva sentita cantare nello spot della Tim ma non l'aveva mai vista, sapeva solo che si era ritirata a vivere in Svizzera. O almeno questo credeva visto che Mina non era la famosa cantante italiana e nemmeno l'amante del nonno Dracula. Lei però era una ragazza esplosiva. Il Conte chiuse a chiave in camera l'avvocato Harper e decise di viaggiare fino in Inghilterra per incontrare Mina. Durante il viaggio il Conte uccise l'equipaggio della nave che lo stava accompagnando. Lo fece trasformandosi in diversi animali a una velocità tale da lasciare impressionati.


Van Pyro aveva battuto in una gara internazionale Arturo Brachetti vista la sua abilità nel cambiare forma rapidamente. Una volta a Londra decise di sedurre la fidanzata di Harper e per farlo prese le sembianze di un giovane e bellissimo uomo. A Londra però incontra l'amica di Mina, Mafalda. Il Conte decide di mordere al collo più volte la ragazza trasformandola così in una vampira come lui. La ragazza iniziò a parlare un olandese fluente. Il fidanzato di Mafalda decise di farla curare a Mosè Von Helsing, massimo esperto di vampirismo. Nel frattempo però Van Pyro riesce a incontrare Mina che apparteneva alla nobile famiglia Della Penna.


Mina Della Penna e il Conte Van Pyro ballarono romanticamente come nemmeno la Bella e la Bestia avevano fatto mai. Il Conte però scoprì di essere braccato da Von Helsing e decise di tornare in Olanda. Nel frattempo Harper era ancora prigioniero nel castello e stavano per scadere i 7 giorni. Proprio allo scadere del 7° giorno gli apparve davanti una bambina dai lunghi capelli. Se non l'avete capito questo è un crossover di due film horror. In quel momento però Van Pyro apparve nella stanza dopo aver preso le sembianze di un ornitorinco.


Era la prima volta che si trasformava in questo animale e l'aveva fatto in meno di un secondo, anche quest'anno avrebbe vinto il titolo al posto di Arturo Brachetti. Harper protestò con la bambina che si chiamava Ramsara perché lui non aveva visto alcun VHS maledetto e quindi non doveva morire. Ramsara chiarì le cose. Nel nuovo millennio era davvero dura per lei perché con l'avvento del Blu-ray nessuno utilizzava più le VHS. Il Conte Van Pyro le promise di aiutarla a trovare delle vittime se avesse accettato di tornare nel suo film smettendo di invadere i film altrui.



Nel frattempo Von Helsing e Mina Della Penna giunsero in Olanda pronti a mettere fine alla vita (vita, insomma) del Conte Van Pyro. Mentre attraversano il castello si imbattono nelle tre spose non-morte di Van Pyro e scoprono così che il Conte era poligamo. Von Helsing decide di ucciderle utilizzando un palo di quercia. Effettivamente i vampiri non erano così schizzinosi come li raccontavano nei libri e nei film e morivano indipendentemente dal tipo di legno con il quale veniva trapassato il loro cuore. Una volta giunti nella sala principale Von Helsing e Mina si dirigono nella camera da letto dove era recluso Harper. "Come stai Harper?" gli chiese Mina e lui che era un noto ottimista le rispose come faceva sempre "Ben". Per questo lo chiamavano Ben Harper. Von Helsing lanciò un paletto di noce verso Harper che lo prese al volo pronto a uccidere il Conte Van Pyro.


Nel frattempo però il Conte si trasformò in una formica e disse con voce tenebrosa "Ora voglio proprio vedere come fate a piantarmi il paletto nel cuore, ahahah". Mina però chiese al suo amato Van Pyro "Torna te stesso, permettimi di salutarti per l'ultima volta" e tirò fuori un coltello e se lo puntò al cuore. Van Pyro preoccupato per il destino dell'amata riprese sembianze umane. A questo punto Mina decise di sgozzarlo. Tutti sanno però che i vampiri non muoiono così e quindi la ragazza si fece passare una delle asce che erano appese al muro.


Prima gli mozzò la testa. Poi le braccia. Poi le gambe. Poi riprendendo il coltello iniziò ad accoltellare il busto che era rimasto. Von Helsing prese una delle torce accese che illuminavano la stanza e la gettò sui resti del Conte. Questa volta sembrava veramente morto. Il tempo passò e un anno dopo Mina era felicemente sposata con Harper perché lui era sempre stato il suo amante segreto.


E con la scena dell'avvocato che bacia la sua amata possiamo dire che tutto è Ben quel che finisce Ben.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×