scrivi

Una storia di Brividogiallo

Quelle poesie d'amore

Solo un amore impossibile può essere eterno

124 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 03 febbraio 2021 in Storie d’amore

0

Britt è una sposa serena.

Il suo matrimonio con Lorenzo dura da tre anni e non ha mai visto nuvole sul suo orizzonte.

È serena perché in lui ha trovato l'uomo della sua vita, quello che sognava da ragazzina, intelligente, bello, simpatico.

E come quasi tutte le donne svedesi, non è mai stata gelosa di Lorenzo, ha sempre riposto la più completa fiducia in lui e, seppure lui a volte si lascia scappare qualche occhiata in giro, non ci fa caso, si tratta di un attimo, di una piacevole visione, come un bel tramonto.

Sa che non c'è malizia, né desiderio di altre donne in Lorenzo.

Escono con gli amici, giocano, si divertono, ballano.

Finché un giorno, ad una festa, lui vede lei, Rachele e Britt, per la prima volta, scopre il sentimento della gelosia.

Sa che Rachele è una vecchia conoscenza di Lorenzo, anzi, nel loro passato c'è stato molto più di una semplice conoscenza ma una vera e propria passione.

Rachele non è soltanto una donna dall'aspetto gradevole e dai modi accattivanti, è una donna colta, sensibile e scrive poesie che incantano anche chi non è amante di questo genere, poesie che arrivano al cuore.

I percorsi della vita hanno poi diviso Lorenzo e Rachele e questa sera, a distanza di oltre vent'anni, s'incontrano di nuovo per caso.

Decidono di rimanere in contatto attraverso internet, per raccontarsi le loro giornate, per parlare dei tempi della gioventù ma, soprattutto, Rachele ogni sera, gli invia una poesia, la maggior parte delle quali, non è difficile intuire che sono ispirate da lui, dal loro passato, dai suoi ricordi.

Nessun incontro, nessuna telefonata, solo quell'appuntamento serale per rivivere i tempi andati e Lorenzo, pur avendo una mente razionale e pragmatica, è fortemente attratto da quelle poesie che, stranamente, gli regalano delle emozioni nuove.

Britt non sa di questa quotidiana corrispondenza ma il giorno che lo viene a sapere va su tutte le furie..

Lei, quella dotata di autocontrollo, di mentalità aperta, di profonda fiducia nel marito, avverte un pericolo in tutto questo, il suo sesto senso le dice che non va bene, che tutto questo deve finire.

E così è.

È costretto a interrompere quello scambio epistolare confessando alla vecchia amica, la gelosia della moglie e le fa capire che, almeno in parte, la giustifica.


Rachele rispetta il volere di Lorenzo e non gli scrive più.

Lei però, nel corso degli anni, continua a scrivere le sue poesie, evitando accuratamente ogni riferimento nei confronti di Lorenzo.

Questo è stato fino alla fine dei suoi giorni.

Dopo la sua morte, gli amici più intimi non vogliono che tutto il lavoro di una vita possa andare disperso e raccolgono in vari volumi le poesie della loro amica.

E tengono per loro l'ultimo scritto, quello che Rachele deve aver pensato poco prima di spirare. Non si tratta di una poesia ma di una sorta di lettera.

Lorenzo non saprà mai il contenuto di quella lettera anche se era indirizzata proprio a lui.

"Dolce Lorenzo, amore di una vita, ti ho avuto per poco tempo, quando ero ancora troppo giovane per capire. Quando ti ho incontrato di nuovo, ed i tempi erano maturi come noi, non eri più solo ma al tuo fianco avevi una donna bellissima, che, pur sapendo del nostro passato, non ha avuto problemi a mostrarmi la sua simpatia e la sua stima. Credo sia una grande donna, capace di dare molto amore. Io, al contrario, so solo scrivere poesie..."





Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×