scrivi

Una storia di GioMa46

Questa storia è presente nel magazine TUTT'ALTRE STORIE

'alta marea / bassa marea'

..messa per il tempo presente.

148 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 05 dicembre 2020 in Poesia

0

‘alta marea’

sonorità
di flussi
fraseggio d’onde

orizzonte
mescolanza
di ritmi diversi

maree
agitarsi d’acque
profonde

eco
che dal passato
ritorna

inopportuna implacabilità
dell’onde
che s’agitano

alla riva

. . .

‘bassa marea’

poesia d’onde
del tempo lineare
piano

stagione
giunta ormai
all’apice

spiagge
solitarie
desolate

vuoto
quintessenza
del nulla

messa
per il tempo
presente

alla deriva


. . .


Ricevo e trascrivo:

Pasquale Antonio Marinelli

una poesia che ha un ritmo fluttuante, come quello delle onde che rappresentano la parola "chiave" di questo cangiare dell’andamento del mare. Lirica armonica, delicata e oserei dire onirica. Complimenti all’autore

Arcangelo Galante

Trovo l’opera tutta, davvero vincente, nonché, imperiosamente, considerabile come una "sceneggiatura" in versi, nella quale, l’autore, riesce, con una padronanza di linguaggio e stile “liberi”, a concedere voce al moto del mare, in particolare al manifestarsi delle fasi peculiari dell’alta e bassa marea, che, metaforicamente, potrebbero persino contraddistinguere il valore dell’acqua. E pare quasi di visualizzare l’effetto donato dal panorama, dettato alla mente del lettore, nell’incedere dei versi, stesi a puntino, al fine di richiamarne l’attenzione più congenita alla comprensione del messaggio contenuto nel testo. La forza del mare, come fonte di universalità poetica, si è coniugata a quella dell’uomo, creando un’atmosfera estremamente accattivante.
Applausi ed elogi meritati!

Klara Rubino

È davvero affascinante alla lettura, mi interrogo di come tu sia riuscito a rendere il moto ondoso agitato nella prima parte della composizione, alta marea, ed invece a rendere la quiete del mare calmo nella seconda che poi sfocia in lontananza, con una calma che diventa piatta, bassa marea.
Inizialmente pensavo fosse causato, l’effetto, dalla frequenza degli accenti nelle parole, poi ho notato che nella prima parte ci sono frequenti consonanti consecutive, nella seconda frequenti vocali consecutive, dittonghi. È così che ci sei riuscito? ...forse dovrà restare un mistero, ma mi congratulo perché l’esito è assolutamente bello!





Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×