scrivi

Una storia di theredinside

Riflessione

307 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 09 febbraio 2019 in Altro

0

Succede così che un giorno ti ritrovi a trent'anni. Ti guardi in dietro e ti accorgi che già una parte della tua vita è passata. Percorri con la mente tutti i tuoi passi, guardando con gli occhi della mente tutta la strada che ti sei lasciata alle spalle. Ogni salita, ogni curva e ogni discesa. Ti guardi le scarpe che hanno accompagnato ogni km che hai percorso. Sono logore e sofferenti. Ripassi mentalmente tutti gli errori della vita, tutte le scelte sbagliate che hai preso, tutte le decisioni fatte avventatamente senza pensarci su due volte. E ti ritrovi a trent'anni chiedendoti come sarebbe stata oggi la tua vita, se avessi fatto scelte diverse, se avessi preso decisioni contrarie a quelle che hai preso. Ma ti rendi conto che purtroppo, il passato non si può cambiare, che ormai quel che è stato fatto rimane tale. Questo ti tormenta, ti fa male, ti distrugge l'anima, perché sai che nulla potrà cambiare niente. Allora stai li, statica, e pensi… pensi e dentro di te la tua anima piange e si tormenta. Un tormento lento che sembra ucciderti piano piano, fino a quando non arriva il giorno in cui ti senti come se qualcuno ti avesse portato via un pezzo di cuore assieme alla tua anima. Ma non puoi farci niente, puoi solo renderti conto di essere stata una vittima della vita. Una vittima del suo gioco infernale, della sua spietatezza. A trent'anni ti rendi conto che l'unica cosa che puoi fera e volgere lo sguardo al futuro, vivendolo al meglio, senza commettere gli errori commessi nel passato, imparando dalla strada precedentemente percorsa. Quindi capisci di doverti rialzare, guardare in faccia la vita, e farle capire che sei tu a comandare su di lei e non lei su di te. Di farle capire che quel palcoscenico è tuo non suo, che sei tu la protagonista non lei. Quindi prenderai le forbici e taglierai quei fili che la vita fin'ora ha usato per manovrarti, e ti libererai. Quando finalmente sarai libera di questi fili… solo allora vivrai libera e non più in schiavitù.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×