scrivi

Una storia di OrnellaStocco

Caro Intertwine...

368 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 26 aprile 2019 in Altro

1


Caro Intertwine, come stai?

Sai, ultimamente ti ho "sentito" poco come se te ne fossi andato da qualche parte scordandoti dei vecchi amici. Magari tanto vecchi amici non lo siamo dal momento che ci conosciamo giusto da un anno, tanto è passato da quel giorno, dal mio ingresso in questo contenitore dedicato a noi, per noi, incantatori di parole, ritrovo per sognatori e pensatori.

Come capita spesso tra amici, con il passare del tempo e la conoscenza qualche incomprensione si fa strada. Cose normali, nulla di serio ma le amicizie vanno coltivate, curate, vanno anche nutrite e incentivate affinché la continuazione delle stesse possa crescere e, se possibile, proseguire. Ma non sempre è così.

Ultimamente sei distratto, poco attento alle esigenze di chi passa da queste parti lasciando, oltre agli scritti, anche un po' della sua anima, della sua vita.

L'amico e collega di penna Massimo Ferraris ti aveva bonariamente, come fa un vero amico, dato alcuni consigli perché sai, nemmeno tu sei perfetto e qualche difettuccio è emerso. Ti avevamo suggerito, nella storia collaborativa di Massimo (ahi! tasto dolente quello delle storie collaborative ) dicevo, io, Massimo e altri autori quasi tutti provenienti dalla compianta 20lines, ti avevamo messo in guardia da certi chiamiamoli vizi o difetti o mancanze del sito che tu caro Intertwine gestisci con passione e professionalità ma nessuno di quei suggerimenti è stato preso in considerazione. Ah, a proposito di 20lines, acquisizione prestigiosa sventolata in grande pompa sui social, sbandierata come la mossa migliore in fatto di marketing che aveva fatto sperare noi naufraghi di quell'isola andata alla deriva, cosa è successo? Forse il clamore, la fama, ti ha distolto dal vero obiettivo? Non lo so cosa sia stato ma anche tu mio caro Intertwine stai andando desolatamente alla deriva.

Un'agonia alla quale noi autori abbiamo già assistito e che speravamo non dovere più vedere. Stai perdendo o forse hai già perso autori di grande talento ma è comprensibile; del resto apprendere che sono sufficienti poche righe, una frase scritta ogni giorno per monopolizzare la classifica delle Migliori Storie (migliori!) anche il più fedele, il più accanito, volenteroso autore si demoralizza di fronte a quello che sembra un accanimento ad oltranza per chi vuole apparire. Già, lo so, potresti rispondermi: si scrive per il piacere di scrivere non per la classifica. Giusto! Allora toglietela, oppure modificatela per esempio con un numero limitato di accessi, di storie pubblicate. E a proposito di storie, per tornare a quelle collaborative dove già in molti hanno evidenziato alcune chiamiamole falle, te lo dico francamente a me non piacciono molto per un insieme di cose che non sto qui ad elencare ma se un incipit mi intriga, solletica la mia fantasia, partecipo con entusiasmo. Già, l'entusiasmo, che bella parola, peccato che il mio di entusiasmo in un paio di occasioni sia stato come posso dire: Sminuito? Avvilito? Ho partecipato in un paio di occasioni ma, per uno dei tanti meccanismi a volte incomprensibili di questo sito succede che i contributi non vengano presi in considerazione. Va bene, magari sarò antipatica all'autore ma è deprimente e assai poco incentivante per chi scrive vedere ripetutamente scartato il proprio pezzo e allora si capisce questo disinnamoramento per le storie collaborative, per le classifiche improbabili e per tutto un insieme di cose...

Insomma caro Intertwine, gli addii non mi piacciono ma questa missiva ci assomiglia molto.

Con affetto. Ornella.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×