scrivi

Una storia di FrancescodeFusco

STORIE PER NON DORMIRE

piccole storie Horror

599 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 06 settembre 2018 in Horror

Tags: #horror #racconti

0

Era appena tornato dal cimitero. Il mondo ammutolito da un temporale feroce e poche macchine in transito. Posò l'anello di sua madre sul tavolo. Scintillava sotto la luce al neon.

Ne avrebbe ricavato sette, forse sette e cinquanta. Ma magari anche di più.

La vecchia bastarda era crepata senza lasciargli un bel niente e quello gli spettava di diritto.

Lo ripose sulla credenza, in un posacenere e salì al piano di sopra.

Si sdraiò sul letto coi vestiti ancora zuppi. Il giorno dopo sarebbe scoppiato un casino, ne era certo. La bara era rimasta mezza aperta, fango ed erba da per tutto e la mano fredda di mamma fuori, le dita livide sotto il diluvio.

Si addormentò e non trovò pace. « il mio anello... » gli sussurrava « il mio anello...»

Un incubo, un fottuto incubo, per via dei sensi di colpa e il ragazzo si svegliò.

La sveglia sul comò batteva la mezzanotte.

Ancora troppo presto pensò voltandosi su un fianco.

Si ritrovò in un abbraccio di capelli; in bocca, negli occhi.

«il mio anello...»

Nel letto c'era lei. Odorava di fetido, di tomba.

Il ragazzo urlò, si ritrasse ma la sua mammina lo abbracciò e strinse.


Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×