scrivi

Una storia di Chiaramorselli0

Siamo donne

Il MIO sfogo personale

128 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 23 luglio 2019 in Altro

0

Nella società odierna la mentalità attraverso la quale essa vede e tratta la donna, nei secoli è apparentemente migliorata, eppure, tutti i giorni è vivo dentro di me un sentimento di rancore che non riesce a trovare pace, costretto a scontrarsi con l’attitudine sessista di oggi che in molti non riescono a percepire, accecati dalle apparenze.

Cresce, la mia rabbia, nel vedere in me stessa e in tutte le altre ragazze e donne la paura d’uscire da sole appena cala il buio, di attraversare una strada desolata; cresce nel momento in cui ogni volta che cammino da sola o prendo un treno la sera, devo portarmi appresso, (e ben a portata di mano) un cacciavite per la paura di essere molestata.

Ma dai Chiara, non starai esagerando?

Con la possibilità poi, che se subisco uno stupro, una violenza, molte persone porranno la questione su come fossi vestita, se troppo provocante, allora me la sono andata a cercare, allora è colpa mia, e poi forse, infondo mi è anche piaciuto.

Cresce il mio odio, quando mi dicono che il mio stipendio da donna è più basso di quello di un uomo.

Sono per caso meno competente?

Cresce con gli stereotipi di genere: la donna curata, servizievole, educata e soprattutto femminile; l’uomo forte e virile, non piange, “non deve chiedere mai.“

Perchè la mia libertà sessuale non è libera come quella di un uomo? Anzi, se sono sessualmente attiva e cambio spesso partner, rischio di venire chiamata puttana, troia, ridotta al solo scopo sessuale. Perchè? Mentre l’uomo, nella medesima situazione è stimato, e se tratta male la donna ancora meglio, “a lei piace essere trattata male.“

Il mio odio cresce, ancora.

Mi sento dire che per essere pura devo arrivare vergine al matrimonio. Cosa vuol dire purezza? Mettono in discussione il mio diritto di usare anticoncezionali, di abortire, di divorziare, a volte addirittura di parlare.

Se dio esistesse, cosa mai dovrebbe interessagli della mia vita sessuale?

Mi sento violata, come donna, ogni volta che cammino per strada senza essere rispettata, dovendo sopportare fischi, frasi e gesti equivoci.

La vostra superficialità mi spaventa.

Mi sento violata perché sembra che il mio corpo, la mia carne sia la sola cosa interessante che questa società possa accettare, della mia intelligenza, delle mie idee e pensieri, sembra non interessare a nessuno.

“Tu non sei intelligente perché sei una donna, devi solo stare zitta.“

Vi sento, che ridete e scherzate su queste vostre parole.

Aumentò il mio rancore, quando per i miei sedici anni mi regalarono uno spray al peperoncino.

Impara a difenderti.

I servizi spesso non saranno in tuo aiuto.

Spesso, mi sento talmente colma d’odio, tanto che farei una strage, quando sento, quando VEDO, donne e spesso anche bambine, violentate in strada, a casa picchiate e insultate che non hanno mai riscattato la giustizia che le spetta.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×