scrivi

Una storia di Albert5454

Questa storia è presente nel magazine Pillole di pensieri.

Uno strano Campari.

Il caso,, un incontro, Tu dopo anni...

299 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 05 novembre 2018 in Storie d’amore

Tags: #amore #aperitivo #Lei #piazza #sera

0

13.30...Che strano Campari… Certo, che le trovi le domande da pormi… A volte mi chiedo da dove giungano. Chi le porta, sotto quei riccioli neri. Dunque… Tu vorresti una risposta banale, una regola non da “professorone” su come essere solo, un po’ serena e felice. Allora… vediamo…. Beh, prima, aspetta, un secondo... Mi hai spiazzato. Cerco una improbabile lentezza, anche se conoscendoti, so che è inutile. Per un’attimo, getto lo sguardo attorno, mentre cerco le idee ed i pensieri semplici che vuoi. ... “Mi scusi, per cortesia, ci porta, due Campari, grazie.” Un sorso, così, sembro trovare il tempo di prendere fiato.

Ecco, ora ti rispondo.


Sai è difficile in pochi vocaboli, concentrare un concetto, astratto, scarno. Risulta complicato, sintetizzare la vita ed il viverla, in tracce di parole. Ci provo e solo questo, voglio dirti.
“Impara a scrutare dentro di Te. Provaci senza remore, senza pietà. Insisti nel tentar di trovare quanto non ha senso. Poi analizzalo ed impegnati nel capirlo. Per qualche aspetto, una logica riuscirai a trovarla. Comprenderai, capirai, se risulta ancora giusto, il tenerlo stretto ancora. Ad altre situazioni darai come destinazione la pattumiera e sappi non rimpiangerle. Se non hanno senso alcuno. Se la speranza, riposta in loro, non risulta neppure rara. Se nessun risvolto, nessuno sbocco, intravedi in orizzonti lontani, la loro destinazione resta quella... Semplicemente, frantumale, levale da spalle ed anima. Sarai più leggera nel corpo, fresca e gioiosa di mente. Saprai allora trovare, la strada migliore, per il tuo essere, qui ed ora”.


Mi fermo, un po’ di silenzio mi aiuterà. Noto il tuo volto stupito, pensieroso. Sento che è tempo di aggiungere altro. Così riprendo: “Ricorda, non la devi a nessuno la tua vita. Non devi rimpiangere nulla, neppure i giorni persi, rinchiusa in casa, senza concederti, alla luce del sole. Se hai un mondo dentro, esprimilo in gesti, in parole. Nei sogni, sogna solo di Te. Cerca di non dimenticare il perdono, non tenerla in tasca, la pietà. E poi… e poi lotta per ciò in cui credi. Lotta per una persona, per un sollievo che puoi dare, per una gioia da provocare. Potrai perdere, ma ti sentirai ancora, speciale. E se perdi… rialzati ! ”.
Bene, adesso parliamo di tutt’altro, è sempre piacevole, incrociare il tuo viso. Mi accorgo, che scrutandomi, cerchi di carpirmi i pensieri.


Mi guardi, con insistenza e mentre sorridi, io, credo di essermela cavata. Tu ti stai aggrappando ai miei occhi, me ne accorgo. Non è giusto penso, mentre arrivano i nuovi Campari. Me ne andrò presto, è corretto così. Ma ora, senza lasciar trasparire nulla, mi trovo a dirti: “Salute Stella”. Albert.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×