scrivi

Una storia di GianlucaManca

Questa storia è presente nel magazine FAHRENHEIT 451

La storia di Intertwine

734 visualizzazioni

5 minuti

Pubblicato il 07 novembre 2018 in Giornalismo

Tags: #growth #startup #storia

0

Quante volte ho pensato a come sarebbe stato bello scrivere un libro a più mani, una storia in cui le mie idee incontrassero quelle di altre persone. Io avrei scritto l’inizio, scelto il protagonista principale e previsto un finale, un altro scrittore avrebbe descritto i paesaggi, un altro ancora tutti i personaggi secondari che si incontrano in una storia.

All’inizio queste erano solo chiacchiere con gli amici, appassionati come me di lettura e scrittura, ma poi, sempre più spesso, pensavo che quella non doveva rimanere solo l’idea racchiusa tra le quattro mura della mia stanza, quella in cui, provavo a immaginare il mio futuro.


“Ci vediamo per una birra?”, chiesi a Gennaro e Salvatore, gli amici di sempre che poi sarebbero diventati i miei primi soci. Ricordo ancora quella sera in cui, forse a causa anche di qualche birra in più, ci facemmo prendere da un grande entusiasmo: quello bello, di chi ha voglia di fare.


Salvatore Imparato è ingegnere informatico, e mi spiegò che si poteva mettere su una piattaforma dedicata a creare storie collaborative. Gennaro Mangani è un grafico, ma soprattutto un creativo, e iniziò a immaginare come poteva prendere vita il tutto. Ben presto a noi si aggiunse Stefano, fratello di Salvatore, anche lui informatico, e ci mettemmo a lavoro.

Era dicembre del 2012, e quel Natale lo trascorremmo a provare a trasformare un’idea in qualcosa di più concreto. Ci vedevamo tutti i giorni e le sere, in posti anche improvvisati, non avendo di certo la possibilità economica di prendere un ufficio. L’obiettivo era chiaro: creare una piattaforma per creare storie collaborative. Non ce ne rendevamo ancora conto, ma stavamo anticipando un trend che poi sarebbe diventato il vero tormentone dei nostri tempi: lo storytelling.

Ssa
Ssa

In ogni storia ci sarebbero stati un autore e tanti co-autori, partendo da un concetto semplice: la collaborazione tra le persone può accrescere la creatività di ognuno.

Creatività è unire elementi esistenti con connessioni nuove, che siano utili

Henri Poincaré

Bisognava trovare un nome adatto, che tenesse conto sia dell’aspetto narrativo che di quello sociale. Studi, brainstorming, discussioni (anche accese) ma poi giungemmo a una conclusione: "Intertwine" che significa "Intrecciare".


L’intreccio è la combinazione di fatti e di eventi che compongono la trama di un racconto, ma “intrecciare” vuol dire anche allacciare e stringere relazioni.

Early adopter
Early adopter

Di corsa a realizzare una versione beta della piattaforma da presentare in giro. E quante slide, e quante volte mi sono presentato: “Sono Gianluca Manca, e questa è la nostra idea, cercando di trasmettere la validità del nostro progetto, ma anche tutta la passione e gli sforzi che ci stavamo mettendo.

Qualche volta, spesso a dire il vero, ci è andata anche bene.


Il primo concorso a cui partecipammo fu Vulcanimente, la startup competition organizzata dal Comune di Napoli. Poi fummo selezionati da Wind Business Factor nel 2013 per un programma di supporto e training e in seguito partecipammo a una serie di importanti concorsi italiani e internazionali, passando tutte le selezioni e arrivando alle finali di Mind the Bridge Accelerator, Web Summit a Dublino e Startupbootcamp Pitch Day Barcelona.

La prima versione del nostro sito fu rilasciata nel 2013.

Nel frattempo il team cresceva con Daniele Moretti e Luigi Maiello, responsabili degli aspetti comunicativi, della community e dei contenuti. Il numero di storie e di utenti aumentava, e anche i riscontri positivi, tanto che anche Rcs si accorse di noi e decise di incubarci.

Corsi di sceneggiature collaborative all’università e favole collaborative in una scuola elementare furono i primi progetti in ambito didattico, mentre sulla community continuavano a prendere vita storie e intrecci sempre più belli e vari. Ma qualcosa ancora non andava. I nostri utenti, con i quali ci confrontavamo (e ci confrontiamo) di continuo, trovavano Intertwine non semplicissima da usare. Tutti ne apprezzavano la libertà espressiva, la possibilità di creare storie unendo tra loro testi, video e immagini, ma in alcuni casi il funzionamento risultava complesso.


Ricerche e sondaggi per capire che fosse necessario cambiare qualcosa. Così iniziò lo sviluppo di un’altra versione della nostra piattaforma con due obiettivi principali: migliorare la user experience e rendere la grafica più accattivante. Non più solo storie collaborative, ma anche storie singole, articoli e reportage. Maggiore possibilità di scelta per gli utenti, che mostrarono subito apprezzamento.

Il 2016 per noi è stato l’anno della svolta: abbiamo realizzato una raccolta fondi per più di un milione di euro , e con quei fondi contiamo di realizzare un potenziamento della community, ma anche di introdurre nuove funzionalità per creare un prodotto editoriale sempre più personalizzabile e multimediale.

Nel frattempo il team è cresciuto con gli ingressi di: Giampaolo Manca (web Developer), Simona Intilangelo (S.E.O. Specialist), Valeria Coppola (Content Manager), Valentina Bianchi (Business & Marketing Manager), Alessandro Foresti (Junior Business & Marketing Manager) e Francesco Carannante (Perfomance Marketing Specialist).​​​​​​​​​​​​​​

Corporate storytelling e content marketing


Il 2017 e il 2018 sono stati anni fondamentali per la crescita della nostra community e per la definizione di un’offerta commerciale più adatta alle esigenze delle aziende, che oggi utilizzano la community per realizzare campagne di corporate storytelling e di content marketing con contenuti di qualità prodotti ad hoc.


Oggi non basta più informare, comunicare e coinvolgere. C’è bisogno di emozionare, per creare un legame emotivo con il pubblico e per rendersi riconoscibili.

Il modo migliore per fare tutto ciò è raccontare la propria storia, far sentire il pubblico parte di un destino comune.


Il content marketing diventa centrale in ogni strategia comunicativa, ma deve sapere mescolare e integrare diverse tecniche e strategie, prime fra tutte lo storytelling.

La community di Intertwine conta oggi più di 250 mila iscritti, tra amanti della scrittura e della lettura, fotografi, appassionati di film e musica, ma anche viaggiatori che raccontano le loro avventure con dei reportage.


A noi piace definire Intertwine come un social tutto basato sulla creatività e sulla collaborazione, dove ognuno può dedicarsi al racconto della propria storia, allontanandosi dal rumore generale che ci circonda per concentrarsi su ciò che gli piace davvero.
Un nuovo modo di legare la passione/esigenza di raccontare storie allo sviluppo di nuove tecnologie, per far sì che la lettura e il racconto della realtà diventino sempre più crossmediali e collaborativi.

A ottobre 2018 abbiamo acquisito 20lines, la community di lettori e autori diffusa a livello internazionale, dal gruppo editoriale HarperCollins e ci proponiamo come la community per la creazione di contenuti editoriali più grande in Italia.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×