scrivi

Una storia di BeppeGVida

Anime Belle

919 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 26 giugno 2019 in Storie d’amore

0

Copertina: Pericle Fazzini - Resurrezione, 1970-75. Bronzo, h m. 7 x 20. Sala delle Udienze, Città del Vaticano

Per gentile concessione di Barbara Fazzini a Beppe G. Vida



Al di là dei confini sentimentali la lontananza può enucleare la vera sostanza dell’amore pur mantenendone la misteriosità della provenienza…

I grandi amori non sono frequentabile, vivono a distanze temporali astratte. Essi rimangono “perfetti” perché non hanno avuto la contaminazione del desiderio carnale: e non sono stati toccati dalla volubilità e del narcisismo.

L’amore lontano è una presenza metafisica che arricchisce se stessa rigenerando amore e scaldando il cuore…

Un grande amore vissuto nella lontananza sovente porta lacrime e mette a dura prova lo spirito…L’amore è dolore: nella sofferenza, la distanza placa nell’inconsapevole sacrificio.


Un grande amore vissuto in stretta unione di cuore mente e corpo, tale legame è come un giuramento di fede: In se stessi e con l’astratto immanente.

Gli amanti avranno momenti intensi di dolore fisico e l’esaltazione dello spirito che li eleva sublimandoli dalla capacità di gestire un sogno raramente perpetuato.

Sono anime belle che vivono lontano che si nutrano di una passione estetica che il ricordo puntuale delle realtà dalla quale si sono sottratti sperimentalmente, li ha sedotti dalla condizione universale viaggiano spinti da una forza da loro stessa creata che non potranno più recuperare: Solo con un recupero miracolistico potranno essere felici, infelici come lo siamo tutti noi innamorati.


Questo vaneggiamento e stato possibile sentirlo da un cantastorie ubriaco…cosa può far dire di un amore, un grande amore perduto…

Non insultatelo troppo severamente l’ubriacatura fin ché non passa può manifestarsi anche in strani modi con variabili imprevedibili… Però amate con tutte le vostre serene facoltà e, quando capiterà, sé capiterà, come al teorema raccontato… non fasciatevi la testa, non imprecate pensate come siete stati bene durante il percorso… Una mattina aprirete una finestra e guardando verso l’orizzonte probabilmente potreste esclamare: TUTTO QUI…


Prima versione originale

aprile 2015.

Autore: Beppe G. Vida

^^^

Mi si chiede da più parti, un approfondimento circa la conoscenza personale con lo sculture della maestosa opera illustrata nella cover, ed a loro rispondo facendo un'appendice al racconto. Tutto quello che posso aggiungere lo leggerete di seguito qui:

Nella villa di Grottammare, cittadina confinante con San Benedetto del Tronto città natale di Pericle Fazzini. Nella villa di famiglia vive Barbara con suo marito, un noto industriale e tre cani. La Villa ha un museo all'aperto posto nel grande parco, opere bronzee di notevoli dimensioni riproducenti episodi storici dell'ultima guerra mondiale. Quelle volte che sono stato a trovare Barbara, che possiede una copia della testa del Cristo, che misura circa un metro o poco più, dopo i convenevoli, vado ad abbracciare la scultura - l'ho fatto tutte le volte che ne ho avuta occasione -. Essa è talmente meravigliosa che ti fa pensare al sopranaturale...


Nello studio romano di un tempo, situato in fondo a via Margutta, via che corre parallela a Via del Babbuino, da Piazza di Spagna andando verso Piazza del Popolo.

Lo scultore l'ho incontrato, era il 1981 nel suo studio. Quando lo conobbi ero in compagnia di Emanuela Ricci diventata poi moglie del famoso architetto Simon Pietro Salini della omonima Grandi Costruzioni, che ha realizzato il ponte di Genova progettata dall'architetto Renzo Piano.

Vi sarebbero molti altri aneddoti per arricchire e per conoscere alcuni dettagli mentre l'opera era in fase di realizzazione che appagherebbero i cultori dell'artista, e la sua personalità, ma penso basti ad appagare le curiosità dei pochi o dei tanti estimatori dell'uomo Pericle Fazzini.

Altri più personali e riservati hanno il vincolo che corre e attraversano un limbo inviolabile:

Testimonianza redatta dall'autore il 4 maggio 2020.

Beppe G. Vida


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×