scrivi

Una storia di Umano86

Fermi Tutti! (Davvero?)

Foto di JuergenPM da Pixabay

67 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 06 aprile 2020 in Spiritualità

Tags: #albero #anima #corpo #covid19 #vita

0

Stare fermo non è una condizione nella quale mi sono mai sentito a mio agio. Ultimamente da queste parti siamo un pò tutti costretti a starcene in casa ad aspettare. Dobbiamo fare file interminabili per la spesa e spostarci unicamente per questioni di assoluta necessità (che poi sfortunatamente ognuno ha interpretato liberamente). Stiamo assistendo alla progressiva limitazione delle nostre libertà individuali e collettive.
Messa così sembra un’esagerata violazione dei diritti umani imposta da chissà quale tiranno.
In realtà c’è un virus a capo di questo coprifuoco forzato.
Non siamo stati proprio diligenti come cittadini, c’è voluto del tempo prima di capire che la nostra singola azione potesse influenzare praticamente tutti. Ora, ad un passo dalla militarizzazione delle strade, stiamo diventando più ricettivi ed anche più altruisti.

Mi è capitato in questi giorni di ascoltare decine di discussioni in merito: c’era chi gridava al complotto, chi pensava fosse un virus inventato dell’INPS, chi una manovra massonica per destabilizzare l’economia globale, chi un modo per vendere Amuchina a prezzi esorbitanti.
Parole su parole…. e poi un albero fuori dalla mia finestra.
Si, un albero, neanche molto bello ad essere sinceri.
Se ne sta lì, fermo. Un pò come noi ora, inchiodati a casa, immersi in una noia condita di timori e paure.
Eppure, nonostante le apparenze, quell’albero non è affatto fermo. Dentro di sé, nelle radici e nelle foglie scorre la vita. La presenza.

Ho visto questo di prezioso in questo periodo. La possibilità di comprendere cosa porta questo virus oltre alle orribili conseguenze che già conosciamo.
Ci sta tenendo lontani dalle distrazioni, ci dimostra quanto poco riusciamo a stare con noi stessi in silenzio per più di cinque minuti
Ci porta a ricominciare da noi, a non cercare una connessione esterna senza prima aver recuperato quella con noi stessi. Ci priva della routine distratta alla quale siamo inconsciamente aggrappati, aprendo uno spazio in cui manifestarci. In silenzio. Fermi.
La staticità esteriore non preclude il movimento interiore. Non quello generato dai pensieri, ma quello che nasce dall’ascolto e dalla riflessione.

Forse non serviva una pandemia per arrivare a tutto questo.
La vita ci suggerisce continuamente occasioni per rimanere in silenzio e per ricaricare le nostre batterie.
Una banale influenza, una distorsione ad un piede, un appuntamento rimandato, una giornata di mal tempo… magari non sono unicamente intoppi o grane.
Magari non rappresentano solo il segnale di una giornata no.
Mi piace pensare che possano essere anche inviti a qualcosa di più semplice, come tornare a noi stessi.


Tutti abbiamo timore per noi stessi e per i nostri cari e vorremmo che questo periodo si esaurisse il più presto possibile.
Ma guardo l’albero e non riesco ad ignorare quel briciolo di tempo rubato, per riconnetterci pur stando fermi.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×