scrivi

Una storia di Psycopanz

Black Bunny Face

Capitolo 1

796 visualizzazioni

5 minuti

Pubblicato il 27 settembre 2018 in Avventura

Tags: #birra #cicatrice #coniglio #ordine #pulizia

0

'Straziante' .. e nel dirlo ad alta voce si alza di scatto dalla poltrona facendo cadere a terra il telecomando associato alla televisione. Una batteria AA rotola quasi scappando da lei e si rifugia sotto il grande divano Ikea posto dall'altro lato del soggiorno. Lei rimane in silenzio per un attimo e quasi sconvolta, dopo aver indossato le pantofole poste in modo ordinato accanto alla poltrona, si sposta verso la cucina.

Apre un cassetto e prende delicatamente un paio di guanti in lattice piegati con cura.

Li indossa e si sposta nuovamente laddove poco prima il big bang della tecnologia ha avuto luogo.

Prima di inginocchiarsi, con un panno, uno dei tanti nascosti in quella casa, pulisce il pavimento laddove avrebbe dovuto appoggiare le sue robuste ginocchia.

Raccoglie la batteria con la stessa delicatezza con cui gli artificieri disinnescano una bomba e dopo aver ricostruito il telecomando lo riposiziona sul poggiolo del divano.

Sfilandosi i guanti rimane in piedi immobile a fissare quel maledetto telecomando .. 'straziante' .. straziante per lei è non avere l'esatta certezza di aver posizionato quel pezzo nero di plastica esattamente al centro del poggiolo, con gli stessi millimetri di distanza che dai quattro lati lo tengono lontano dalle estremità del poggiolo stesso.

Ritorna in cucina e prende, dallo stesso cassetto che ospitava la coppia di guanti in lattice, un righello trasparente che non sembra minimamente vittima della fastidiosa usura che spesso cancella le tacche nere dei millimetri.

I millimetri non sono abbastanza per reprimere la sua insicurezza .. il non sapere se è stata raggiunta o meno la precisione assoluta disturberà il suo sonno come ultimamente spesso accade.

Se solo potesse, durante il giorno, sfogare le sua ansie in qualche modo .. se solo potesse condividere con qualcuno le sue folli fissazioni .. il suo vivere sarebbe meno caotico ed i suoi neuroni le darebbero tregua smettendo di stuzzicarla e deriderla in continuazione. Non può apparire debole e nemmeno palesare insicurezze dato che il suo ruolo richiede fermezza, sicurezza e piena salute mentale. Non può nemmeno permettersi l'amore di un uomo dato che la convivenza potrebbe avere lo stesso gusto di un ergastolo vissuto in libertà.

Sarebbe costretta a seguirlo continuamente per assicurarsi che la presenza di un'altra persona non intacchi e sporchi il suo mondo.

L'idea di raccogliere la polvere al volo come spesso accade quando la mano tenta invano di catturare una mosca aggiunge ansia ad ansia.

Afferra le chiavi di casa e dopo aver indossato un lungo cappotto invernale si accinge ad uscire dal suo mondo perfetto ordinato e pulito. Prima di uscire afferra un cioccolatino dalla scatola a forma di cuore comprata in un discount il giorno precedente .. era solo .. era l'ultimo .. non sopporta l'idea di tenere quella scatola ancora per molto.

Disturba il suo ordine .. e per lei l'ordine ha lo stesso piacevole gusto di quel dolce cioccolatino alla ciliegia.

L'amaro lo ritroverà nella birra che a breve sarà posizionata davanti ai suoi occhi .. ' speriamo solo che il bicchiere non sia bagnato '

Dall'appartamento accanto al suo i Nirvana suonano 'Heart shaped box'.

...

Un ragazzo di colore con una grossa cicatrice sulla parte inferiore della guancia è seduto al tavolo del bar. Sul tavolo, planimetrie sparse in modo disordinato sembrano attirare la sua attenzione.

Lei passa accanto al ragazzo e con lo stesso fiuto di un cane che percepisce l'urina di un suo simile, si accorge del caos bianco che l'uomo ha creato sul suo tavolo.

La tachicardia le esplode in petto e nella sua testa malata scorrono stupidi ma possibili motivazioni che la porterebbero ad avvicinarsi al suo grande e storico nemico. Grazie a Dio, sembra che un pezzo di quel caos bianco abbia da poco abbandonato la sua origine per cercare il suicidio a terra .. dove sottobicchieri e tovagliolini usati sparsi qua e là rompono la linearità del pavimento di legno.

Lei, sapendo di avere delle salviette umide in borsa per eliminare subito dopo possibili germi cosparsi sulle mani, raccoglie delicatamente il foglio.

' Mi scusi .. le è caduto questo! '

Lui le sorride e quasi imbarazzato le toglie con violenza il foglio dalle mani. Raccoglie il suo caos bianco creando una pila ordinata di fogli e nasconde il tutto nella sua ventiquattrore di pelle consumata.

Finalmente ordine.

' Spero non abbia visto nulla' pensò l'uomo richiudendo la sua borsa .. ' devo esserne certo '.

' Gentilissima .. lei non ha idea del caos che si sarebbe creato se avessi perso quel foglio '

' Caos .. non me ne parli '

' Come posso sdebitarmi? Le andrebbe una birra? Ho appena finito di lavorare ed avere la compagnia di una bella donna come lei mi farebbe molto piacere '

Lei per un attimo dimentica la banalità dell'invito e pensa alla sua scatola vuota di cioccolatini lasciata a casa .. vuota come la cicatrice di quell'uomo .. linea disposta in modo perfetto e pulito sulla guancia .. di colpo una proiezione futura rende l'ergastolo vissuto in libertà non più così terribile.

Si siede di fronte a quell'uomo affascinante che nel frattempo chiede al cameriere quale sia la bottiglia di birra migliore da poter ordinare per entrambi.

Dopo cinque minuti arrivano due sottobicchieri con disegnata la faccia di un buffo coniglio .. una nuova birra belga.

' Scusa se mi permetto ' la mano di Lei curata con delle unghie colorate da minuziosa precisione sistema il sottobicchiere posto all'estremità opposta del tavolo.

Gli occhi di quel buffo coniglio ora sono perfettamente dritti .. o almeno così appare agli occhi di qualsiasi essere umano .. Lei nutre ancora qualche dubbio a riguardo.

La band ospite della serata inizia la sua esibizione .. nell'aria 'Harvest' di Neil Young.


... ( continua ) ...


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×