scrivi

Una storia di Crab59

PUTTANO PER CASO

soggetto per cinema /tv

63 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 29 luglio 2020 in Altro

0

Maggio 2019. Museo del Risorgimento, in Roma. Francois è un artista francese che vive

nella capitale da molti anni; ha lasciato la sua città,Parigi,nel 2009,per amore di una donna

italiana conosciuta in una sua mostra fatta proprio in quell'anno a Doville nella splendida

Normandia.Questa donna si chiama Lucrezia,milanese di nascita ma trasferitasi a Roma

già da diverso tempo per inseguire il suo sogno di fare la gallerista. Per arricchire sempre

piu la sua "creatura, "sita in Via Margutta,si recava spesso all'estero e l'incontro con

Francois era avvenuto proprio in occasione di uno dei suoi viaggi. La loro relazione era

durata solo pochi mesi perchè si erano resi conto che la loro era stata solo una infatuazione,

sicuramente dovuta all'atmosfera che si era creata la sera in cui si erano conosciuti,proseguita per un pò, ma, appunto,senza solide basi. Una sera,dopo una lite

furiosa causata dal fatto che lui l'aveva accusata di essere una incompetente nel suo

campo perchè senza alcuna formazione artistica, Francois,lasciò la casa di Lucrezia.

Uscito dall'appartamento con la sua valigia sansonite, duecento euro e qualche altro

spiccio si dovette accontentare di una pensione a Via Palestro dove rimase solo per

una notte. Il giorno seguente si recò da una sua amica che lavorava al consolato francese

per chiedergli se poteva ospitarlo per qualche giorno, il tempo strettamente necessario

per organizzarsi; lei però gli rispose che non era proprio possibile in quanto conviveva

con il suo ragazzo,uno svedese molto geloso; gli permise però di lasciare la valigia:

lui ringraziò ed uscì. Inizio a girovagare per la calda città; arrivato a Piazza Venezia si

diresse verso il museo del Risorgimento dove era in corso una esposizione gratuita

di un pittore concettuale; la sala era vuota; iniziò a guardare le venticinque opere

esposte con molta calma,il tempo,infatti, non gli mancava di certo; si soffermò in

particolare su una tela dal titolo " Procreazione," tela dipinta di rosso con sopra

attaccato un preservativo rotto accerchiato da punti interrogativi; era rimasto affascinato

da quella composizione e non si era reso conto che erano entrati due visitatori;

sentendosi osservato, si girò sulla sua sinistra vedendo una bellissima donna

sulla sedia a rotelle con la sua accompagnatrice, probabilmente la madre; si

guardarono negli occhi per qualche secondo e poi scoppiarono a ridere come pazzi;

dopo aver commentato l'opera,si presentarono. Piacere, << sono Agnese>>, << lei è mia

madre Giulia>>; lui rispose: << piacere, sono Francois>>. Una volta usciti Agnese lo invitò

a prendere un aperitivo al bar. Lui accettò e spiegò loro che avrebbe tanto voluto

offrire lui, ma al momento le sue pessime condizioni finanziarie non glielo permettevono;

gli risposero di non preoccuparsi e così si diressero verso Largo Corrado Ricci dove c'era

il bar più vicino; si misero seduti e iniziarono a parlare delle loro vite. Anche Agnese era un

artista: scultrice, ma anche fotografa; gli raccontò dell'incidente automobilistico avuto

cinque anni prima che l'aveva costretta su quella sedia.Dopo una mazzoretta la mamma,

dicendo di dover andare a fare delle commissioni,li lasciò aggiungendo che sarebbe tornata

il prima possibile,al massimo,entro un'ora. Agnese era molto attratta da Francois, forse per

il suo fascino mediorientale; le sue origini erano infatti quelle: aveva genitori libanesi.

L'attrazione andava oltre l'aspetto fisico, si baciarono. Agnese l'invito a trasferirsi a casa sua;

Francois accettò,anche se per qualche giorno si affrettò a precisare,perchè era sua intenzione

tornare a Parigi. I due non attesero il ritorno della madre,presero un taxi e si diressero

sulla Via Appia Antica dove Agnese abitava. Arrivati, Francois non potè che rimanere colpito

della lussuosa residenza: oltre alla grande villa immersa nel verde,vi era un nutrito personale

di servizio: camerieri, giardinieri e un servio di viglianza. Quella famiglia era molto ricca.

Francois si rese conto che i suoi problemi finanziari erano finiti;doveva solo dare il suo corpo,

sarebbe stato all'altezza della situazione ?



AGNES - LA PUTE DE MONTPARNASSE /  FRANCESCO IOZZO
AGNES - LA PUTE DE MONTPARNASSE /  FRANCESCO IOZZO



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×