scrivi

Una storia di Kobein

18.05.2020

91 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 18 maggio 2020 in Altro

0

In questi giorni basta accendere la televisione su qualsiasi canale o aprire un qualunque giornale per sentire e leggere teorie o ipotesi di come il fenomeno Covid potrebbe essere molto diverso da come ci è stato presentato. Non mi interessa dire la mia opinione su queste idee perché in questo momento trovo sterile qualsiasi considerazione in merito, però l’altro giorno, ho letto un articolo che mi ha dato lo spunto per un ragionamento. La teoria (complottista) in questione affermava che il Covid in realtà non fosse nulla di più che una semplice influenza, così com’era stata detto due mesi or sono quando i contagi in Italia si potevano ancora contare sulle dita di una mano. La situazione che tutti abbiamo vissuto sarebbe stata creata ad hoc per un esperimento sul controllo delle masse. Come ho già detto non mi interessa dire se sono d’accordo o meno con questa affermazione, ma una cosa la voglio dire: se mai questa visione corrispondesse alla realtà, e in tal caso noi popolazione fossimo il soggetto dell’esperimento, l’avremmo fallito in pieno. È bastata una parola pronunciata da un presidente del consiglio, da un’autorità posta al vertice della macchina stato, per tenere milioni di persone lontane dalla strade di un intero paese e la medesima parola ha fatto si che queste milioni di anime ripopolassero le città come se questa situazione fosse stato il brutto sogno mio e di altri quattro stronzi che ancora hanno timore ad uscire. Questo va oltre ogni mia capacità di comprensione, e chi mi conosce sa che ne ho parecchia. Mi sembra di parlare dei fedeli religiosi che sono pronti a buttarsi nel fuoco da una parola in su dei loro sacerdoti, ma almeno loro lo fanno per paura dell’inferno e per la speranza del paradiso. Voi perché cazzo lo fate? Di che cosa avete paura e a che cosa ambite? Avete paura di una multa da qualche centinaia di euro e ambite ad un giro in più in qualche parco che è sempre stato li da quando avete memoria? Se la risposta è si, forse non è un male pensare che qualcuno ci voglia controllare, perché in tutta sincerità, avrei paura anche io a lasciare piena libertà a persone di questo tipo.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×