scrivi

Una storia di BettinaB

Un misero prestigiatore

Oh signore...che paura, ci mangeranno come il pane bianco e diverremo pane nero.

506 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 22 giugno 2018 in Altro

Tags: #etnia #governo #italia #razzismo #saviano

0

Io non vedo nessun uomo con gli attributi, ma un povero narcisista patologico che, come insegnano i manuali di psichiatria, è capace di manipolare masse e di trasferire su di loro il senso di potere che non hanno mai avuto; vedo uno che si regge solo per merito del plauso di scimmie volanti, ovvero persone con bassa autostima e che credono di riscattare le proprie vite (di merda, pare) attraverso di lui e con ogni mezzo. Devono averlo preso nel deretano tante volte per essere così inacidite verso chi con le loro vite non ci incastra proprio nulla e manco sanno che esistono. Ad esempio che ci incastra Mbatu Sene con il fatto che io non ho lavoro? Chi è Mbatu Sene? Boh (ho messo un nome come un altro, per dirne uno). Manco so chi è e lui non sa chi sono io, però magari se ci incontriamo beviamo una limonata fresca e ci capiamo, mescolando le nostre parole e il nostro tempo, così differente, ma uguale perchè il tempo alla fine passa per tutti.

Vedo solo un prestigiatore da quattro soldi, che a dirla tutta non incanterebbe nemmeno i miei figli che non sono stati educati a temere l'uomo nero, ma a diffidare di chi si presenta urlando di possedere la verità.

Un tuttologo per giunta, pure virologo pare.

Ma dico: certe affermazioni son da prendere sul serio?

Più si manifestano, così plateali, e più mi viene da sorridere, oggi perchè mi sento buona che c'è un leggero vento che rinfresca in questa calura di fine giugno.

Diffido di chi mi dice che per vivere bene devo sottrarre agli altri. A me hanno insegnato che casomai dai a chi è meno fortunato di te.

Condanno moralmente chi mi dice che devo schedare persone per la loro etnia e che c'è rischio di inglobazione etnica. Oh signore...che paura, ci mangeranno come il pane bianco e diverremo pane nero.

Mi indigno verso chi racconta in giro che quasi quasi toglie la scorta a persone che sono sotto dichiarata minaccia di organizzazioni criminali soltanto perchè non son d'accordo con il mio operato. Mezzucci da quattro soldi quando non si possiedono argomentazioni.

Un giochetto da ragazzi il suo, puntare il dito contro chi è meno tutelato di altri, più debole di altri, erigerlo a capro espiatorio dei mali di un paese.

Ma questo lo sappiamo fare tutti, incolpare altri per avere i meriti o i tornaconti personali, di potere, ma fa parte della sana evoluzione affettiva capire che non è cosa da fare.

"Non si fa...", diceva mia mamma.

Insomma: se tutte queste cose uscissero dalla bocca di un bambino andrebbe rieducato.

Un bel lavoro da fare.

Il vento si è fermato: comincio a sudare, insomma, quando inizia il governo del cambiamento a lavorare?

22.06.2018


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×