scrivi

Una storia di GioMa46

Questa storia è presente nel magazine TUTT'ALTRE STORIE

I QUATTRO CAVALIERI DELL'APOCALISSE

NELL'OPERA PITTORICA DI FEDERICO SINATTI

225 visualizzazioni

6 minuti

Pubblicato il 21 agosto 2020 in Arte

0

Polittico "I Quattro Cavalieri dell'Apocalisse"-
Polittico "I Quattro Cavalieri dell'Apocalisse"-


"I Quattro Cavalieri dell’Apocalisse" - Giovanni ‘Apocalisse’ 6,1-8

... per una mitologia del presente.


"Apocalisse" dal greco αποκάλυψις, che ha significato di "rivelazione",



‘Il primo Cavaliere’

«E vidi subito apparire un cavallo bianco, e colui che ci stava sopra aveva un arco, e gli fu donata una corona, e partì vincitore , e per riportare nuove vittorie.»

Peste o Pensiero - olio su tela, 200 x 116 cm
Peste o Pensiero - olio su tela, 200 x 116 cm

Il primo cavaliere rompe il cerchio della sua composizione, allegoria del pensiero celebrale, con la freccia, allegoria dell’idea; un gesto che trasmetterà il movimento ad arco a tutto il polittico. Questa è la forza che precede ogni altra qualità, il pensiero come λόγος ...


..or tu Pegaso volante

dacché portasti Orione la cui volontà

infiera contro a spalancare il cielo

col dardo infuocato in fra le nuvole

che di scaturir l’arduo furore

onde maggior senno reclami

alle rimostranze divine

deh metti sul capo la corona aurea

‘..e parti vincitore’

che di vittoria portar lo scettro

alfin non ti sia vano

nell’ora dell’ultimo traguardo.


‘Il secondo Cavaliere’

«Ed ecco uscì un altro cavallo, rosso e a colui che vi stava sopra fu dato iol potere di togliere la pace dalla terra,m e di far sì che gli uomini si sgozzassero fra di loro, e gli fu consegnata una grande spada.»

Guerra o Volontà - olio su tela, 200 x 120 cm
Guerra o Volontà - olio su tela, 200 x 120 cm

Ed ecco che il secondo cavaliere è simbolo dell’eterno volere, quella forza che si solleva nell’umano spirito a compiere ogni opera. Senza di essa l’uomo giacerebbe in uno stato passivo, abulico. La volontà porta gli uomini a confliggere, a battersi per ciò che considerano meritevole e degno, e avendo volontà diverse, talvolta si scontrano. Se così non fosse, se tutti rinunciassero alla loro volontà, qualsiasi contesa cesserebbe insieme a qualsiasi aspirazione, qualsiasi desiderio e tutto giacerebbe inerme ...


..che già s’ode lo scalpitar

del tuo cavallo baio Epimeteo

irrompere sul terreno madido

del tuo sudore d’ira

violare la pavida serena mestizia

del creato

che de’ Viventi argui mozzare

il fiato

deh sentenza di morte una spada

sola nol può conseguir destino

confacente alle masse

che prima o poi disarcionar cadrai.

‘Il terzo Cavaliere’

«E vidi immediatamente apparire un cavallo nero, e colui che vi stava sopra aveva in mano una bilancia. E sentii come una voce in mezzo ai quattro Viventi, che diceva: Due libbre di frumento, per un denaro, e sei libbre d’orzo, per un denaro, ma l’olio e il vino non li toccare».

Carestia o Sentire - olio su tela, 186 x 135 cm
Carestia o Sentire - olio su tela, 186 x 135 cm

Per l’autore questo cavaliere rappresenta non una carestia, ma la conoscenza della giusta misura delle cose, l’ordine e il valore delle cose nell’universo. Egli è conoscenza, in quanto a questo conduce la percezione, un sentire l’equilibrio cosmico tra il mondo fisico e quello spirituale. Scuro è il terzo destriero, come oscura è la scienza che conosce le leggi che regolano il cosmo; cavalca in un flusso pittorico di profondo blu, colore simbolo dell’interiorità. Al centro della forma circolare della posa volvente, si trova uno dei piatti dorati della bilancia. La materia aurea dell’oggetto richiama il celebre tesoro dell’Oro del Reno ...


..tu dunque

l’eroe eponimo che riappare

quell’Icaro venuto

dal tempo fondativo il cui voler

s’impone tra il simbolo e la forma

del Dio vivente

mediazione tra somiglianza e

dissomiglianza

difformità entro 'l finito-infinito

presente e passato

dualità incommensuarabile

d'un futuro difforme.

‘Il quarto Cavaliere’

«E subito vidi apparire un cavallo verdastro, e colui che vi stava sopra aveva nome la Morte e l’Inferno lo seguiva. E fu data loro autorità su un quarto della terra, per uccidere con la spada, colla fame, colla peste e mediante le fiere della terra.»

Morte - olio su tela, 200 x 131 cm
Morte - olio su tela, 200 x 131 cm

Si voglia leggere la figura secondo il suo apparire. Una cavalcata cieca abbandonata al movimento del destriero, con un panneggio che richiama il sudario, però candido.
Tale è il soggetto del dipinto che difficilmente lo si può interpretare come una forza a favore dell’essere umano. Eppure, se non ci fosse la morte ad estinguere la vita terrena, nessun essere vivente si svincolerebbe dai legami con la materia ...


..deh vieni Prometeo

discatenato dalla rupe di lava

cavaliere accecato

che lavar non puoi con la morte

il fato

che pur addusse il Creator

nell’ora del delirio osceno

onde la pandemica peste

l’Apocalisse stipulò nel guado

dell’inferno

orché della mente tua le fiere

sulla terra van facendo razzie.

..dell'immenso cosmo immemore.
..dell'immenso cosmo immemore.

‘ai Viventi’ (de’ sopravvissuti).

«E fu data loro autorità su un quarto della terra, per uccidere con la spada, colla fame, colla peste e mediante le fiere della terra»


.. o voi de' Viventi

dell’immenso cosmo immemore

di opposte opposizioni:

finito-infinito, ragione-senso, vitalità-geometria

causa - coscienza quantica

mito-trascendenza, identità d'estremi

connessione dell’umano col divino

a Voi che orsù lambite

nel contesto del libero divenire

in ognun sia vaga e

come il soffio

altéra


... promessa di nuova germinazione.





Avatar di Federico Sinatti
Avatar di Federico Sinatti

“I Quattro Cavalieri dell’Apocalisse”

L'opera sopra rappresentata afferente alla tesi di Laurea“Discorso sul Mito – Verità e forza evocativa nell’opera di Giulio Aristide Sartorio”, costituisce un polittico di quattro tele di grande formato la cui particolare interpretazione che ripercorre attentamente il passo evangelico dei 'cavalieri' qui re-interpretati come forze benefiche che preparano l’uomo alla Rivelazione (dal greco ἀποκάλυψις).


L'autore.

Federico Sinatti nasce ad Urbino e vive a Senigallia.

Di formazione classica, Federico Sinatti ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Firenze e di Macerata. Si è dedicato con passione al disegno, all'incisione, alla colorazione digitale e, sopratutto, alla pittura. Caratteristica della sua iniziale fase figurativa è la monumentalità e l'allegoria con richiami al mondo del mito, che sono sfociati in grandi polittici come quello sui Quattro Cavalieri dell'Apocalisse. Negli anni successivi ha poi esplorato un linguaggio informale che tutt'ora elabora alternando fasi di ritorno al figurativo, operando con la ferma intenzione d'ispirare i sensi dello spettatore attraverso mirate suggestioni estetiche, proponendo immagini figureative e atmosfere inedite rispetto alla comune esperienza della realtà, per una riflessione visiva ed emotiva che si offre come esperienza immaginifica.

La sua carriera artistica si arricchisce di un Premio Abbado, che lo vede classificato con altri nove colleghi al secondo posto per la sezione Arte Pubblica nel 2015. L'opera che è valsa loro il premio è una pittura murale di oltre 175 m² avente per soggetto 'un corteo medievale', collocato presso Venturina Terme, a Campiglia Marittima (LI). Qui Federico Sinatti ha anche codiretto un cantiere di riqualificazione dello spazio urbano decorando il Parco "Altobelli" di Via della Fiera (2015) con 'tre ritratti di donne eccellenti'.

Successivamente ha vinto il concorso accademico nazionale "Il Maestro presenta l'Allievo", di cui la mostra a Montignoso (MS) nel 2017 e il 'Premio MarcheBiennale d'Arte Contemporanea nel 2018', con cui si è guadagnato anche l'esposizione per l'anno 2020 alla Pinacoteca di Ascoli Piceno al Forte Malatesta.

Numerose sono le rassegne artistiche cui ha partecipato in questi anni le cui opere sono presenti nei cataloghi ad esse dedicati: la 'Mostra dei bozzetti per il tabernacolo di Sant'Antonio Abate' a Campiglia Marittima (2015); la collettiva indipendente 'Rosso Cronico' a Macerata (2016); la '66^ Rassegna Internazionale d'Arte Premio G.B. Salvi' a Sassoferrato (2016); la collettiva 'Playlist' patrocinata dall'A.M.I.A. a Falconara (2017); la mostra 'Ar[t]cevia International Art Festival' (2018); la personale 'La Forma della Visione' ad Ostra Vetere (2019) e la collettiva 'Ernergia 'Creativa' presso Espacio Garcilaso a Torrelavega in Spagna.


Contatti: [email protected]





Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×