scrivi

Una storia di utente_cancellato

VIAGGIARE

447 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 23 maggio 2018 in Viaggi

0

Viaggiare riduce l'effetto della vacanza, appesantendola di ritardi e aree di sosta. Dove alla toilette manca sempre la carta, e il sifone dell'autogrill PAVESI per asciugare le mani soffia sempre aria fredda, anche in pieno inverno.

Ho provato ogni genere di mezzo di trasporto: aereo treno nave macchina autostop corriera traghetto vaporetto taxi bicicletta ... e per ogni mezzo di trasporto una situazione differente, dove fuggivo inconsciamente da qualcosa, e in altre ci andavo solo incontro.

Da piccolo non dormivo mai la notte che precedeva la partenza alle vacanze.

Smaniando già l'idea di cosa ci potessi trovare una volta giunto a destinazione. Nuovi o vecchi amici; il mare; o la suggestione che il periodo di vacanze mi avrebbe poi lasciato al ritorno a scuola a settembre. Racconti da poter fare coi miei compagni. Condividendo l'emozione.

Un viaggio che muove in testa come una scintilla; una grandiosa illuminazione.

Un viaggio come ricerca di se stessi. Un viaggio che non ti assomiglia; che non ha cuore.

In mezzo al nulla. Davanti a un milione di persone.

Un viaggio che è solo un'altra cartolina. Un abbraccio. Un vuoto che credevi di poter riempire.

Un viaggio che non sai dove andrà; ma che per te ha un senso. Perché viaggiare è come un rubinetto aperto, e il tempo scorre: senza margine; senza scampo.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×