scrivi

Una storia di GeorgeDebilatis

BURTON NEL BIANCO NATALE

IL MASCHIO E LA FEMMINA LATENTI

166 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 31 ottobre 2019 in Erotici

0

La birra cominciava a girare e la gente a diventare aggressiva.

Burton se ne stava nel suo angolino a sorseggiare una ceres

mentre gli altri sembravano darci dentro, tirando fuori schifo,

intolleranza, sopraffazione e seghe mentali.
Le ragazze, anche loro un poco brille, appoggiavano l'accento
sulle rotanti strascicate o lasciavano cadere le spalline,
i colleghi regolavano i conti l'un l'altro e scleravano di figa.
Era una serata che non avrebbe dovuto rilucere per scazzi o
menate grottesche, ma tant'è.


Burton c'era andato senza entusiasmo. Era da poco in ditta,
alla Rochester, e lo avevano convinto ad uscire per una cena
e qualche pinta.
Non si sarebbe mai aspettato, però, un simile bordello.
Frosty gli si era avvicinato a cinque centimetri dal naso e gli
aveva spiattellato :
"Sei frocio?".

Poi aveva rinculato, barcollando vistosamente sullo sgabello.
Il vicino peggiore che Burton avesse potuto desiderare.
Per quel poco che lo riguardava aveva sorriso tiepidamente,
sollevando la bottiglia e brindando alla salute.
Un modo come un altro per cercare di schivarsela.
Reuter e Bielega stavano invece litigando di brutto
rinfacciandosi qualche turbativa di lavoro,

incomprensioni e antipatie in diretta.
Elena aveva gridato sopra tutte le altre voci :
"Chi me la lecca questa sera?".
Bossi aveva proposto il gioco della bottiglia e del limone
con annessi, connessi etc. etc.


Inizialmente tutti si erano mostrati entusiasti, poi avevano lasciato
cadere la cosa, travolti e stancati dalla piega presa da quel
rinfresco inizialmente innocuo.
Burton s'era sollevato per andare al cesso, e nel frattempo sentiva
l'eco delle conversazioni pompate andare e venire, come cenere

da un vulcano. Aveva pisciato e s'era tirato su la patta.
Mentre stava per tornare alla tavolata Reuter, Mazzantini,
Boyd e Frosty gli avevano impedito l'uscita.
Dovevano averlo seguito, barcollanti sulle ginocchia e con l'alito

pesante da sbronza.
"Sei frocio?".

Aveva reiterato Frosty, quasi sottovoce.

E Mazzantini gli aveva rifilato un cazzotto alla bocca dello
stomaco, lasciandolo senza fiato.
Reuter lo aveva sollevato di peso, con i suoi bicipiti strizzati
sotto la bella camicia puzzolente di sudore e ormoni, poi gli
aveva allungato un ceffone, mandandolo a sbattere contro
le piastrelle del muro del cesso.

"Non vogliamo finocchi, intorno."

Aveva confermato Boyd tirando su con il naso.

poi erano usciti, non smettendo per un solo attimo
di osservarlo da sopra le spalle.
Burton, quando erano spariti dal suo campo visivo,

aveva sputato sangue e s'era toccato la mandibola,
senza trovarsi nulla di apparentemente fratturato.
Così s'era ricomposto per fare una figura decente

in sala.
Uscendo, aveva notato che stava nevicando
oltre le finestre.


Fra quattro giorni sarebbe stato natale.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×