scrivi

Una storia di GioMa46

Questa storia è presente nel magazine TRAVELOGUE

ROMA IN FABULA

(Parte Terza)

63 visualizzazioni

19 minuti

Pubblicato il 03 settembre 2019 in Fantasy

0

Roma Oggi
Roma Oggi
Vecchia Roma scomparsa.
Vecchia Roma scomparsa.


. . .


Roma S.P.Q.R. Appena fuori, all’aria aperta, torno a rivedere l’azzurro intenso del cielo, pronto a riprendere la via, raccogliere qua e là un sonetto, uno stornello di strada, uno strillo durante una partita alla pallacorda, capaci di ritemprare l’anima stanca.


“Ma ancor de più, vale accaparrasse un’indurgenza”, dice il venditore di “santini” accanto al colonnato di San Pietro. “Saglì e scenne ppiù vvorte da le Scale, o passà pe’ la Porta Santa”, ma pe’ ffa questo je tocca da ‘spettà er ‘ggiubbileo“.


TRIA SUNT MIRABILIA

DEUS ET HOMO MATER ET VIRGO

TRINUS ET UNUS (9)


Tre, dice costui, sò le cose mirabbili der monno: Iddio, l’ommo, la madre. Tre, nell’unicità der Tutto. Io, per esempio, co ‘na mano porgo li “santini” e so timorato de Iddio. Coll’antra alliscio er corno pe sta ‘mpace coi Santi e cor Demonio. Der resto, male nun fà, paura nun avè!. Ma quanno è notte a la jurnata, la parte mia l’ho fatta. Quer che po’ succede doppo poco me ne ‘mporta. Me dispiace pe’ ll’antri se nun se la sò guadambiata. Come se dice ?, chi vò Cristo se lo prega!”. “De ‘na cosa sola posso ‘nnà sicuro, che a nisuno manco de rispetto, sia esso er Diavolo o sia er Padreterno! ”.

“Il Diavolo?”, domando assai perplesso.

In persona!, dice questo, ad ogni angolo di strada ce n’è uno, n’è testimone Domineddio, fin da quanno scapporno da’ la Rotonna, durante la consacrazione de questa a chiesa cristiana. Cosa che costrinse i “poveri diavoli” che da quer tempo ce s’ereno anniscosti drento a centinara, a scappà fora de la cuppola a scapicollo. Manco fussino presi da la mammana. Me canzoni, ecchì ce sarebbe voluto aesse? Li diavoli che stavano abbarbicati drento in de le nicchie de’ la vorta, ner vedè le porte spalancate e segnate cor segno de’ la Croce, com’era inevitabile che fusse, se la presero e fecero ‘na cagnara che superò de tono er Gloria! Puro la gente, le guardie papaline, li preti, la plebaccia der suburbio, tutti scapporno via. E ce arimase solo er Papa, che stanno lì in preghiera ‘nginocchiato, manco s’accorse che la processione s’era dispersa pe’ la strada”.


“Ma lei davvero crede a questa storia? Crede veramente al Diavolo?”.

Forse vi credevano i romani di una volta, oggi nessuno crede più a tali fantasiose diavolerie”.

“O c’è ancora qualcuno che ci crede?”, dico io, non immaginando neppure di accendere la sua suscettibilità.


“Amico mio, sò li fatti che conteno, no le chiacchiere! Nisuno ce vorebbe crede’, però nun se ne po’ fa ammeno. A Roma tutti lo sanno presempio che er Colosseo è un luogo preferito da li diavoli. Che fori mura c’è un posto ‘ndo questi hanno innalzato un trono a Satana in persona, chiamonnolo la Sedia der Diavolo. Nun dico fesserie, lo trova puro sull’elenco der telefono, ne la cartina de le Paggine Gialle, nun se po’ sbajà. Vedrà che a la fine me darà raggione! Nun ce se crede, ma quarchid’uno à pure chiacchierato, che proprio qua, in questo grande Tempio della cristianità, se riuniscono angeli e diavoli e fanno come un carnevale sur sagrato dell’antico tempio de San Pietro. Che coperti della sola nudità s’accoppiano fra danze, lazzi e cazzi, e che s’ammascherano da ommini ragno, da donne fungo, da pipistrello e da serpente, da coccodrillo e da maiale, da topi e vermi e da farfalle colorate, fra tanta scempiaggine e crudertà! Io nun lo riesco a ‘mmaginà, però c’è chi sostiene che sia vero. Dicheno de persone che se riuniscono in certi posti, diciamo “particolari”, e aspetteno anche tutta la notte che quarchiduno li fà entrà. Ma nisuno sà quanno, come, chi? Dicheno puro, che tarvorta l’annunceno in codice sopra a li giornali. ‘na sorta de appuntamento che nisuno sà. De trovasse de qua o de là a certi orari. Aho!, lo sai mantenè un segreto? – gli bastò che annuissi – allora stamme a sentì, mo te ricconto come agnede che un giorno ce annai pur io”.


Mi rendo conto che non c’è più verso di fermarlo, e infatti prosegue. “Mo io, avevo letto un annuncio “strano”, che diceva de vedesse a Porta San Pancrazio. Quanno s’ò arivato lì, nun c’era quasi nisuno, poi, tutto d’en tratto è arivata ‘nzacco de gente, “strana” puro quella, però vestita bene, che sembrava che nun se conosceva. Oh!, comm’è comme nun è, a un certo punto, de tutta quella folla nun c’era più nisuno. Mo io nun sò e nun posso mette mano ar foco, però quelli ereno stati tutti inghiottiti drento ar muro. Nun lo voijo dì, poesse che me so distratto! ‘mmbè lassamo perde ‘vvà! Però te voio fa un rigalo, ttiè, pijate ‘sto “santino”, te porta bene e te protegge da ogni evenienza. Perché si tante vorte ce volessi annà, e nun te lo consijo, ai da sapè che te potrebbero chiede puro l’anima. Allora si nun ci’ai un santo da pregà, sò cazzi amari. Perchè in fonno in fonno, quanno sa’cche fa’ cor Diavolo, nun se po’ mai sapè. Tiè pialo, fanno dieci sordi”.


Ma non ha detto che me lo regalava?

“Ah! Certo, eccomme nò, er Santo te lo arigalo, ma la giornata mia passata a lavorà, quarchid’uno me l’à pure da pagà! Amico mio spesso più che la stima, è la convenienza che ce consija da fa’ la riverenza”.


Or io l’intesi, non me ne faccio un vanto, aveva scambiato qualche parolina al verso di Trilussa, che avevo ascoltato la mattina dalla viva voce dell’autore su un nastro registrato, dal titolo La strada è lunga. E in quella voce, quella inconfondibile d’un poeta, faceva ritorno come un ricordo prezioso, la traccia sonora di una realtà scomparsa, d’un’altra Roma che non conoscevo:


La strada è lunga, ma er deppiù l’ho fatto:

so dov’arivo e nun me pijo pena.

Ciò er core in pace e l’anima serena der savio che s’ammaschera da matto.

Se me frulla un pensiero che me scoccia

me fermo a beve e chiedo aiuto ar vino:

poi me la canto e seguito er cammino cor destino drento la saccoccia.(10)


Che le parole del poeta non siano vane è cosa risaputa, ma a Roma il vernacolo si presta a far da tramite nel sottile gioco della realtà e dell’illusione. Che, nel fare appello all’esperienza si veste spesso di colori, per dire che “s’ammaschera” d’emozioni nuove e pur sempre antiche, di sentimenti accorati, di sofferenze come di tribolazioni. E anziché piangere, spesso se la ride del quotidiano con sberleffo, come di’ che “nun se la pija”, quasi fosse burla. Che nella realtà, “addiriviene ‘na filosofia”.

. . .


D’esempi ce ne sò a mijara”, dice l’ambulante con la chitarra in mano che girando va per le osterie. “Prenni Ghetanaccio er burattinaro, e Gigi er bullo che ner Fattaccio veste li panni dell’assassino corto da la gelosia, e quell’antro detto er Rugantino innamorato dell’amore, e quer Marchese der Grillo che pe’ ammazzà la noia se ne’nventa una ‘gni matina. E Petrolini, quel tragicomico signore della scena. Si nun so maschere quelle, che sò? Che nell’affrontà le controversie de la sorte so capaci de fa no sberleffo puro in faccia a la morte. Ma a riccontalle tutte ce ne vo’, nun basteno millanni, e io s’ò troppo vecchio, nun me arimane tanto tempo, da stà co’voi s’intenne. Ma si m’offrite un bicchier de vino magari ve canto ‘na canzone, o se preferite ‘no stornello. De quelli co lo scrocchio, nati se sa sotto ar cuppolone, che nel far l’ariverenza a quarchiduno, infin je danno der minchione. Annamo va, che dopo la bevuta, s’accenne la favella e la lingua se sa và ‘ndo và. Oste portece ‘nantra canna che aricomincia a ccantà er Sor Capanna”.

Quando che annuncia: “Fiore de fico”.


Fiore de fico,

me sa che de stornelli ne sai poco,

perciò sta’ attent’a quer che mo te dico.

. . .

Si moro e pregh’iddio arinasco,

vamm’a ccercà ‘n paese che io dico

ndove se voti com’a Roma er fiasco.

. . .

Mescete amichi er vino bionno,

che drentro a ‘sta boccia trovi er bonumore

che canta l’inni e t’imbandiera er còre.

. . .

Fior d’ amaranti

cantamo dell’avvenir i bei concenti

che già semo ‘mbriachi tutti quanti. (11)


Nel frattempo che ascolto e bevo in allegra compagnia, un po’ di gente si è fatta attorno. Ognuno, che conosce la canzone, aggiunge una strofa in rima e tutti insieme poi ripetono cantando il ritornello. Neanche a dirlo, pensando che io fossi della compagnia, m’invitano a unirmi a loro. E pur se dico d’essere alquanto stonato, questi dicono: “E cche je ffà? Nun c’è mica bbisogno de sapè cantà! Continua a bbeve ‘sto vinello e vedrai che poi t’arintona l’aritornello!”.


Chi nun beve in compagnia, se sà, er Diavolo se lo porta via!, dice un compagno di bevute seduto al tavolino. Non ch’io lo conosca, ma la compagnia come si sa, accomuna tutti in allegria. “E quanno se tratta de fasse ‘n goccettino, er Santo passa e tte fà l’occhiolino. Che ssi ppe’ caso te lo fossi scordato, te dice de fatte ‘n bicchiere anco pe lui, pe aricordasse de te quanno va a pregà”. Poi dice: “Salute!”, e via tutto d’un fiato, manda giù un ultimo “goccettino”, e aggiunge: “eccome disse er falegname sulla sega, tira a campà e chissene frega! Ma aspetta t’ho da riccontà ‘na cosa. Mo io me ne stavo tranquillo a beve drento a ‘na fraschetta, quanno sarv’ognuno me s’avvicina ‘na vecchietta de cent’anni, o forse ‘ppiù, brutta quanto la fame. Perché si nu’ l’avete conosciuta, la fame è proprio brutta. E con fa’ elegante voleva venneme li fiori. Mo io, pe nun ddì ‘na fandonia, ja risposi: no, grazzie nonnè! Si proprio volete quarche cosa, ve posso offrì ‘n goccetto! E quella nun so fece aripetè ddu vorte. E fra un bicchiere e n’antro se mise a riccontà ‘na storia”.

“Robba da nun crede. Mo io, che nun ciavevo niente da fa, la stetti a sentì. Si pure tu la voi sentì, avvicina la ‘ssedia ar tavolino che mò te la ricconto. Però, come se dice, hai da ordinà armeno ‘na bevuta de bon vino. Perchè vedi, le storie, chiamamole così pe’ discorenno, se ascortano mejo si uno, come di’, s’è ariscallato, e che c’è mejo der vino p’ariscallà la lingua cor palato, e hai da vede poi come favella, je dà ‘nder sù e ‘nder giù, come la fava a ‘na regazza bella. Perchè, sarv’ognuno pe l’antre cose no, ma “quella” posso dì, che ancora pure me tira”.


“Oste!, grido repentino, ci porti mezzo litro!” – dico, tant’è la voglia di ascoltar la narrazione.

Famo un litro, dice quello, perché vedi, le bevute hanno da esse pari, se mezzo litro fa tre bicchieri, paesse pari ce ne vonno armeno sei”.

Accetto la sfida e ovviamente pago di buon animo. Penso che dopotutto non mi sono di certo rovinato. Egli beve, e prima ancora di cominciare a narrare vuole fare due brindisi: uno, dice, “alla salute!”, e un altro “alla vita!”. “Perché in quanto a morì, aggiunge, c’è sempre tempo”.

. . .


“Vedi sti fiori?, disse la vecchia, vengheno da'n giardino che più bello nun ce n’è, e che se chiama er Bosco Parraiso, uno dei giardini più incredibili der monno, che pe’ trovallo ci’occorre arrampicasse ‘nfino sù ar Giannicolo, ‘ndo la natura se sposa co’ la poesia, e arifasse un tantinello l’occhi co la visione de la Roma antica”. “Mo, dimola tutta, sarebbe poco bello avecce ‘n posto così tutto pe noi. E nnamo a nonnè, e nun po èsse, dico io, sennò saremmo già arivati in Paradiso”:

. . .quell’erto colle, che il frondoso tergo

rivolge al sol che in occidente inchina

e tutta scorge la città latina. (12)


“Dimme la verità, me fece quella, ma tu me trovi accusì brutta?”.

“Certo che ce n’è voluta pe daje ‘na risposta, e puro je l’ho data: certo se vede che na vorta sete stata bella. E quella contenta fece: “un tempo sò stata pur’io ‘na gran Dama. Ciavevo la coda de li spasimanti. Nun faccio pe’ vvantamme ma ancora quarchiduno s’aricorda de me, quanno ch’entrai la prima vorta in sta città, Roma era tutta na‘nfiorata”. E tracannanno ‘n bicchiere doppo n’antro fece quella: c’ereno puro li svizzeri der Papa”.

“E io je dissi a quella: fermateve nonnè che state a pijà ‘na cantonata, si continuate a bbeve de sto taijo presto finirete avvinazzata. “Mo dico, io chissò? E uno a vedemme così direbbe che nun sò nisuno. Certo n’è passata d’acqua sotto a li ponti, però ancora quarchiduno s’à d’aricordà puro de me. Io so Meo e un tempo tutti a Roma me portaveno rispetto. Mo voi nonnè sempre parlanno co’ rispetto, sarvo ognuno, me state a pijà proprio sù pel culo”.


“Ma chi, la Dama Nera?”, chiedo tosto io.

Ma no”, dice quello repentino,

Quella doveva esse ‘nantra. Nun faceva che parlamme dell’Arcadia”.

“Qualcosa avrà pur detto! Chi era?”.


Mo io de preciso nun lo so, me pare che venisse da la Svezia. Disse che stava a palazzo Riario alla Lungara, che aveva scerta Roma come sua dimora e che ospitava nun sò quanti signori pe’mmezzo a sto giardino, come de chi volesse aritornà a far contadino. Mo io chissò? So ‘nignorante se ve dicessi che nun ciò capito gnente. In verità ve dico come la penso: che a sto monno uno ha da mette er poco co’ l’assai, e si te fai cojonà da ‘gni fanfarone, poi nun t’hai d’arabbià si l’antri te tratteno da minchione. Mo io nun faccio pe vantamme ma nun so spavardo pe così dì, a vòto. So adoprà bene la sferra e la molletta e nun sto ar servizio de nisuno che nun sia me stesso. A dispetto de chi nun vò, so’ orgoglioso e fiero, so’ generoso e giusto. Ma ch’io possa crede come diceva quella a ‘na “dimora de’ sogno” situata in drento de’n giardino, co sette scale o meijo, sette scalini de pietra messi gnentemeno che dda na Dea che vorse sfuggì dall’Inferno ar Paradiso, me pare proprio er cormo. Mo io nun so si fosse stato er vino o che, ma quella me scomparve così, com’era venuta a mettesse a sede ar tavolino. Un mito?, ‘na leggenda? L’importante è che voi ciavete creso. In verità pe beve ‘n goccio in compagnia io aricconto storie a chicchessia. Mo voi nun ve la pijate, der resto s’ò stato attore co li zanni, un Meo smargiasso e ridicoloso rivorto alli amori e all’osterie, e mo che sò addiventato vecchio dico frescacce. Ma ‘nfonno er gioco n’è varsa la candela, avemmio bevuto o no in allegria?”.


Eccolo ttiè! A Romolè viette a mette a sede che sto signore t’offre da beve, così ja ricconti de la Dama Nera! ”, dice vedendo affacciarsi sull’uscio della Hosteria un tipo ossuto vestito di nero, la cui figura, chiunque l’avrebbe detta d’un becchino, tanto era smunta e pallida che se non era il morto, di certo tornava testé da un funerale.

Vedete, nun ve lasciate impressionà dall’apparenza, dietro la facciata der cordojo s’ammaschera un malandrino. Quann’entra Romoletto, manco a fallo apposta tutti se toccano contro la jattura, e pure fa ‘n mestiere d’oro, che lo benedica Iddio, piagne er morto e frega er vivo. Ner senso che proprio mentre tutti piangheno er moribonno, lui arranfa tutto quer che trova intorno, e co ‘na scusa o ‘n’antra, lo porta ar Monte de’ Pietà, ‘ndove quer pietoso sentimento invero c’entra poco. Piuttosto c’è la drento ‘n Cristo sì tignoso, che prima ancora de paganne, già t’ha levate puro le mutanne!

A Romolè e’pparla, si voi beve hai da dì quarcosa a sto’ signore, che qui avemo ormai toccato er fonno de la fiasca. Oste!, chiama egli tosto, è mejo ch’ordinate ‘nantro litro, perchè si Romoletto attacca a chiacchierà famo matina. La “historia” è lunga assai. Vai! attacca Romolè!”, dice questi, accennando un accordo di chitarra. A dir del vero non saprei dire chi la stesse suonando, poiché oltre a quei due, c’era l’oste, e fanno tre, e un altro al bancone in tutt’altre faccende affaccendato.


Anvedi aho! Che tte ne pare?”, chiede Romoletto:


Er vino è sempre vino,

Indove vòi trovà ppiù mmejjo cosa?

Ma gguarda cqui ssi cche ccolore!, guarda!

Nun pare un’ambra? Senza un fir de posa! (13)


Romoletto dapprima brinda alla “salute” e poi alla “vita”. Quindi, dopo aver “ripreso fiato” prende a narrare molto lentamente: “Vede signore caro, mio padre è stato vetturino presso un nobile principe romano, accreditato presso il Vaticano, che pure era chiamato a portà la Sedia gestatoria. E quanno accadde il fatto del principino, ch’era rimasto senza vita sul selciato, tanto s’addolorò quer pover’omo, che per un anno nun lo se vedette più in giro. Un bel giorno vestito de nero a tutto punto, mio padre lo accompagnò al Verano ch’era mezzogiorno. Era pallido e smunto, ma sempre col fiero portamento della nobiltà, come tosto se dice:noblesse oblige”. E quando fece ritorno da quer sito, portava seco un’urna tra le mano, erano quelle le ceneri dell’adorato principino, ch’avrebbe disperso nell’acque del Tiber sacro, ‘..affinché cotanta bellezza, disse a mio padre, s’andasse a ricongiungere colla natura che je l’aveva dato”. Poi, co’ le lagrime all’occhi, lo fece core a scapicollo ‘nfino alla chiesa in cui era s’uso. Mo, Sant’Andrea della Valle è una gran chiesa e quel giorno c’era non so quale funzione, la gente tant’era che ne restava fora. Quando che uscì la processione tutti rimanettero in silenzio, ner vedè quer nobbile signore in ginocchio sul sagrato, davanti al crocefisso benedetto. E tanto fu lo strazio nel vedello che tutti piagnettero co’ lui. In seguito nisuno l’ha più visto. Mio padre disse che restava spesso solo e a lui chiedeva notizie, se sapeva, di quell’antra gran signora, com’ella stava, era la Dama Nera”.


“Perché, la conosceva?” chiedo io.

Mi padre no, però lui si che la conosceva! Si dice fosse stata la sua amante. E lui, mi padre, doveva stà ‘ssentì quer che se diceva in giro”.

A Romolè, ripija fiato, fece l’altro, famose ‘nantro goccettino”.


È così che brindiamo ancora una volta insieme.

Si racconta che lui, er nobbile signore, l’avesse un dì lasciata e portato a casa sua quer pargoletto nato da la loro communione. Mo lei era ‘na negromante, come si dice di chi professa l’archimia, e sembra javesse fatta ‘na fattura pe’ la ggelosia. Quel che accadde invero quella notte, lo sa solo Domineddio. Er giovane principe che corse incontro alla carozza in verità era su fijo. E quella lo travolse e lo lasciò morì sull’acciottolato, e senza soccorso alfin egli si spense, e così lo ritrovarno verso ch’era già mattino. Teneva stretto quarcosa ne la mano, er poverino, uno smeraldo blu de n’orecchino. Prezzioso dissero da valè un tesoro, ch’era stato un dono o forse un pegno dell’amore che in cuor suo il padre le aveva donato. E vano fu er tentativo d’ariaccoppiallo coll’altro, compagno medesimo der primo, che pure era annato perso e che, ancora oggi, è esposto ar Monte de’ Pietà. Nessuno mai l’hà reclamato in verità. E io, che della famija ho raccolto l’eredità, due o tre volte all’anno vado ar Monte a controllà”.


Or io so che non avrei dovuto, ma tale era la trama del racconto che volli in qualche modo render presente la mia partecipazione, che fino a quel momento era stata illusoria. E che faccio, di punto in bianco tiro fuori di tasca quello ch’io credo fosse il compagno dell’orecchino. I due, dopo aver sommesso un risolino, dicono, l’un l’altro: “a frescò, ma quello è solo un giocarello, sarvo ognuno e’ de na bambola de na regazzina, si fusse vero sarebbi ricco d’un tesoro. A Romolè, disse Meo, dijelo puro te che te nen tende, che lo se po' trovà sopra a le bancarelle”.


“Non me dì, fa Romoletto, che c’è sei cascato puro tu, che te l’hanno vennuto pe’ bono?”

E l’altro, di rincalzo: “e quanto te l’hanno fatto pagà? Più de millanta? Ma nun l’hai capito ch’era tutto un gioco?”

Quale?”, chiedo allora io.

“Ma quello che te stamio a riccontà. È opera de’ zanni, è teatro”.

E Meo: “tu ce dai er via su de ‘na cosa, e ar canovaccio ce penzamo noi. È questo er teatro de la vita, che pe’ la strada ha incominciamento e poi finisce all’osteria, davanti a un litro pe’ contentamento”.


“Famo così, mo quer ch’è stato è stato, noi l’avemmio fatto pe’ giocà, secondo l’uso che ciavemo a Roma da riccontà a li forastieri li fatti de la cronaca come un “fattaccio”, e puro si s’ò successi da mill’anni li raccontamo come fussero accaduti l’antro ieri. E mo, come già avevo detto, le bevute hanno da esse uguali. E dato che er bicchiere mio è rimasto a secco, te tocca ariordinà ‘n’antro goccetto. Mo se mezzo litro fanno tre bicchieri nai da ordinà dispari tanti, ‘finchè, a conti fatti, nun arisurteranno pari.”

Oh sveija, a sor coso, davvero ancora credi ar Diavolo?”, dice Meo.

J’ha detto Nina ‘n faccia a su marito”, dice Romoletto riprendendo il verso.

E di, che sei der Cuppolone! Ma nun la voi capì, brutto fregnone, che dar tempo de Cristo benedetto er Diavolo nun è che n’invenzione!

E Meo. «Er Diavolo, Ninè, nun so’ fregnacce, se sò vennuti l’anima pe’ lui Re, Monsignori, Principi e donnacce, Capi partito, Ministri insospettabili, e Deputati ingordi. Pe’ cui, Ninè, er diavolaccio boja so’ li sordi che ce vonno tanti!» (14)

Vedi quann’er demonio nun ha ggnente da penzà a ccasa sua...! ”, dice Romoletto, rifacendo il verso al massimo poeta della strada:



Tutti li torti abbi d’avelli ar monno

Quer povero cristiano der demonio! ...

Perchè sto mmaledillo in zempiterno?

Eh lassàmolo in pasce in ner profonno

De le su sante pene dell’inferno!

. . . . .

Er demonio, sù e ggiù, vòi o nnun vòi,

È ccratura de Ddio quanto che nnoi. (15)



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×