scrivi

Una storia di P3PP4R10

DYLAN 80

Ottant'anni di Bob Dylan

105 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 16 maggio 2021 in Fumetti

Tags: #bobdylan #dylan80 #illustrazioni #retrospettiva #maggiesfarm

0

Illustrazione di Elena Artese
Illustrazione di Elena Artese

Ci sono coloro i quali adorano la solitudine, io non sono uno di loro, in quest'era di vetroresina sto cercando una gemma. La sfera di cristallo lì sul muro non mi ha ancora mostrato nulla, ho pagato il prezzo della solitudine ma finalmente non ho più debiti.

(Bob Dylan)


Tre mesi fa, senza rendermi conto mi imbarcavo in questa retrospettiva critica dedicata alla produzione in studio di Bob Dylan. Trentanove album, oltre 50 anni di musica, attraversando epoche, stili e generi differenti. È stata un'impresa non da poco. In effetti è stato utile in certi frangenti distaccarsi, svuotare la mente e fare tabula rasa rispetto ad alcuni preconcetti che in oltre 20 anni di ascolto si erano accumulati. Il risultato è la riscoperta di un artista che ha influenzato almeno un paio di generazioni di musicisti, ma che raramente è riuscito a entrare nei cuori e nelle menti del suo pubblico.


Una storia professionale, dove i bassi superano abbondantemente gli alti, ma del resto quando produci, scrivi e registri musica per oltre 50 anni: il rischio c'è, eccome. Eppure ci sono lavori (meno riusciti) a cui mi sono molto affezionato, in questa ricognizione, all'interno di un percorso analitico necessariamente a ritroso.


Ho ritrovato canzoni, suoni, temi che avevo messo da parte. Dimenticato, forse mai esplorato e conosciuto in maniera adeguata. Ora ho terminato questo ciclo e posso andare avanti, oltre Bob Dylan. Ammesso che oltre Dylan, Van Morrison, Edward Hopper, Tom Waits, Jack Kerouac, Paul Auster, Saul Bellow, Martin Scorsese, Henry Miller, Franz Kafka, The Band e Neil Young, vi sia davvero qualcosa di valido da scoprire, conoscere e analizzare. Ho qualche dubbio, ma resto positivo e fiducioso. Qualcosa, prima o poi, capace di attirare la mia attenzione salterà fuori.


Buona lettura, buona vita e buon viaggio, se vi va!


Link di lettura: http://maggiesfarms.blogspot.com/


Dario Greco


Così canta la tua glorificazione del progresso e della macchina del giudizio, la verità nuda è ancora proibita dovunque possa essere vista. La Signora Fortuna, che risplende su di me, ti dirà dove sono. Odio me stesso per averti amato, ma sopravvivrò. (Bob Dylan)

Illustrazione di Elena Artese per il Lunario musicale del Lockdown
Illustrazione di Elena Artese per il Lunario musicale del Lockdown

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×