scrivi

Una storia di mikiefromwine

Questa storia è presente nel magazine Vivere per finta, morire realmente

AMORE PASSEGGERO

-Nell'Universo dei ventenni-

289 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 24 marzo 2019 in Poesia

Tags: #poesia #amore #treno #viaggio #ragazzi

0

AMORE PASSEGGERO

Eri lì seduta avanti,

con un parka verde chiaro

con le cuffie nelle orecchie

ed un libro nella mano.

E pensavo quanto è bella

sta uaglion lì seduta

Quei capelli neri al vento

che ondeggiavano senza tempo

e quegli occhi che brillavano

a osservare tutto quello che passava


Scusa tanto, mi chiedevo

<<è occupato questo posto ?>>

Lei mi guarda imbarazzata

<c’è il mio zaino, ma tranquillo che lo sposto>

Mi sedetti accanto a lei

un po’ rosso sopra al viso

le guardai quei suoi capelli e quegli occhi da vicino

ricambiai quel suo sorriso, e deciso salutai


Iniziammo poi a parlare, di tutto ciò che ci piaceva

Le raccontai di quand’ero piccolino,

e di Faber, mio cantante preferito

discutemmo del gran cinema

di teatro e poi di lirica

Mi parlava di Monet, di Picasso e di Gauguin

raccontava di quand’era piccolina

e della Faber, sua matita preferita


Mentre si parlava senza sosta

piano piano mi avvicinai,

le sfiorai quei bei capelli

la sua guancia accarezzai

le mie labbra sulle sue

dolcemente la baciai.

Ma mi accorsi all’improvviso

che iniziando dal suo viso, la sua sagoma sparì.


Era un sogno quello lì

Fui svegliato da una voce:

“Signori al capolinea”

Ho riperso la fermata,

ma stavolta menomale

l’avevo fatta innamorare.

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×