scrivi

Una storia di HANDMADE

Questa storia è presente nel magazine SPORTiamo

L'UOMO E IL FUTURO

una storia di Francesco Caldirola

209 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 03 dicembre 2018 in Avventura

Tags: #creazione

0

All'origine di tutto l'uomo conosceva il proprio futuro, e grazie a questo la terra e tutti gli esseri viventi avevano il controllo su tutto e su tutti.

Il Dio della conoscenza, Scio, propose al Dio della creazione, Factorem, di togliere la conoscenza del futuro all'uomo perchè, visto che tutti conoscevano il proprio futuro, gli Dei non riuscivano ad avere il controllo sulle loro anime.

Infatti il temuto Scio aveva già ricevuto delle lamentele da parte del Dio Infernum, il Dio degli inferi che non riusciva a possedere anime impure perchè gli uomini perevedevano i loro peccati e li evitavano senza commetere atti impuri; infatti il Dio Coelum, il custode del Paradiso si oppose perchè possedeva lui tutte le anime dei defunti. Ma il vero motivo della sua segnalazione era che ogni anima buona che saliva in Paradiso gli dava potere e i suoi progetti erano di riuscire a prendere il potere su tutto e su tutti.

Allora si accese una lotta tra il grande Infernum e il malvagio Coelum.

I due combatterono per trenta giorni di fila senza riposo quando ecco che Infernum notò dietro le spalle di Coelum un cespuglio di rose che Factorem aveva creato per l'amore che aveva verso sua moglie, erano dei fiori grandi e belli con un fusto deritto e rigido, allora Infernum guardando lo stelo del fiore con le poche forze che gli erano rimaste fece crescere delle spine e ci infilò dentro Coleum, che dal dolore atroce che avevano creato le spine, morì. Allora Factorem vide la morte di Coleum e decise di aiutare Infernum nel trasportare il corpo di Coleum lontano. Allora decise di prendere un animale che potesse reggere il corpo pesante di Coleum. Prese il cammello e visto che per tenere in groppa il corpo morto non bastava una gobba decise di aggiungerne un'altra.

I tre dei, tornati sulla questione dell futuro, chiesero un rimedio al Dio della scienza Physicus, che diede loro un rimedio che era sotto forma liquida e che segli uomini l'avrebbero vista se ne sarebbero accorti e non avrebbe funzionato allora Factorem vedendo come era fatto un liquido copiò il rimedio di Physicus rendendolo però trasparente e decise di mischiarlo in sieme e di farlo cadere dal cielo su tutta la terra, così fù e gli uomini persero la percezione del futuro ma scoprirono l'importanza del presente.

Quelle gocce che cadevano da cielo vennero chiamate da Factorem pioggia e oggi viene rifatta cadere in memoria della perdita della concezione del futuro dell'uomo.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×