scrivi

Una storia di LuigiMaiello

Agosto è un pensiero che passa veloce.

è ora, o forse già non è più.

5.9K visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 01 agosto 2017 in Poesia

1

Agosto passa e va,

come una brezza leggera che manda via i pensieri scomodi e pesanti, lasciando il profumo di sale sulla pelle.

Passa come le notti in silenzio a guardare le stelle e va come una frase detta piano, al momento giusto; una frase che sa dove deve arrivare.


Agosto brucia,

come gli incontri estivi; fiamme che si spengono in fretta o che si alimentano con il vento salato che viene dal mare.

Un colpo di vento e la vita cambia, lasciando sempre qualcosa dietro di sè.

In ognuno di noi c’è un sé che vive e un altro che ricorda. E poi racconta.

Agosto è calmo,

come le onde del mare, che all’alba sembra dormire, svegliato dalla folla che più tardi lo farà agitare.


Agosto non passa mai,

quando gli altri sono già partiti e cerchi qualcosa da guardare, tra le repliche delle repliche della Rai.


Agosto è inutile, quando piove e sei al mare.


Agosto è povero,

quando gli altri sono a contare le onde e a te rimane solo il sudore del tuo balcone.


Agosto è fatica,

se i pochi giorni di ferie li passi in cortile a preparare i pomodori per i sughi invernali.


Agosto è sempre super nelle storie di Instagram: luoghi extra lusso, costumi super ristretti, piatti ricercatissimi e fisici perfetti; storie che durano solo 24 ore, ma il giorno dopo saranno sempre le stesse, con le nostre vite esibite alla ricerca di qualche secondo di notorietà.


Agosto non arriva mai,

quando mancano pochi giorni alle vacanze, i più duri da superare, come gli ultimi esami all’università o le prime notti in ospedale.


Agosto è un bagno a mezzanotte,

quando vedi poco o niente, ma sai che ti vuoi tuffare per lasciarti alle spalle tutto quello che durante il giorno non ti fa stare bene


e in quel tuffo c'è tutto ciò che vuoi vedere: la luce delle stelle e la calma della luna.

Agosto è una musica che ti invita a ballare e a lasciare le tue orme sulla sabbia, segni che saranno coperti presto dalle onde o dai passi di qualcun altro.


Agosto è lo scirocco forte che ti riporta un pensiero che avresti voluto mandar via per sempre.


È il forte desiderio di lasciarsi trasportare, fare le valigie e andare al mare.

Ma poi è sempre bello tornare.


Perché l’estate passa veloce, come un gioco, come la vita. Come queste parole.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×