scrivi

Una storia di GeorgeDebilatis

SCINTILLE D'ACQUA

Più vivo che morto

115 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 14 gennaio 2020 in Poesia

Tags: #di #parallelepipedo #riverberberi

0

Ne va di me o di te stesso. Questo biascicavi

ai piedi di quel granaio poco distante dalle nubi,

e troppo vicino ai tuoi reali pensieri:

Giorgio e Tobias: la voglia di buttarsi nel fieno

e non riemergere era tanta,

ma anche la sapienza che spingeva a muovere le gambe,

a incamminarsi laggiù in fondo, dove in pratica

non v'era niente.

Nulla di stradine, di solchi, di sentieri.

Era arrivata alla fine la nudità, il corrispettivo dell'ignoto.

Si spostava il temporale insieme a te, le membra

erano intirizzite e i piedi dolevano.

Tobias mormorava di accendere un fuoco
con il covone, riscaldarsi.

In fondo, morire. Che cosa ti aspetti, diceva.

Ma Giorgio non perdeva d'occhio la pianura,

lo sapeva ch'era sofferenza e ancora disperazione,

ma il destino d'un uomo era saldato al creare,

e lo sapeva. Creare passi, forgiare illusioni, inventare

altri uomini.
Non si perdeva d'animo, mentre la pioggia gli scorreva
a rivoli sulla faccia e gli inondava gli stivali.

"Andiamo" Sospirò piano. E Tobias lo seguì,

patetici navigatori sopra nembi d'erba, sconfitti mozzi

dentro l'occhio di un ciclone.
Non avevano più nulla,se non il riflesso di un miraggio

sulla pelle, l'ombra del sole in qualche cantuccio
ad avviare il cammino, il mito della libertà scarabocchiato
su un foglio, rozzamente ficcato in tasca.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×