scrivi

Una storia di Valeriadigiacomo

Sergio Bruni

...tratto dai racconti del fotografo Augusto De Luca

22 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 04 aprile 2021 in Altro

Tags: #AugustoDeLuca #SergioBruni

0

Io e la giornalista Giuliana Gargiulo, quel giorno ci recammo all’Hotel Vesuvio in via Partenope a Napoli, dove puntualmente ogni mattina Sergio Bruni incontrava giornalisti e gestiva il suo lavoro tra un caffè e una sigaretta. Ci stava aspettando, era vestito di nero e molto serio in viso. Di tanto in tanto, guardava fuori al finestrone dove c’era una splendida veduta del Castel dell’Ovo e del Vesuvio. Ogni volta che alzava lo sguardo e contemplava il panorama, si capiva che amava la sua città. Disse che guardare il Golfo alimenta, nutre i napoletani e li rende felici.

Poi ci parlò dell’inizio della sua carriera della frequentazione nella Galleria Umberto I e di tutti i successi, ma si infervorò particolarmente descrivendo la sua stretta amicizia con Eduardo. Raccontò che un giorno il grande attore lo telefonò e gli disse: “Sergitié, ‘a gente ‘o ssai che dice ? Ca tu si ‘a voce e Napule e che Napule song’io. Chest’ che vene a dicere ? Ca tu sì a voce mia”.

Io pur emozionandomi molto mentre Bruni narrava la sua vita, continuavo a scattare con la mia fotocamera. Feci molte foto; erano immagini che lo riprendevano mentre parlando gesticolava, ma io invece volevo fargli un ritratto e avevo già in mente come realizzarlo: desideravo fotografarlo mentre cantava. Allora gli chiesi di alzarsi e di intonare una sua canzone, guardando fisso nell’obiettivo della mia Hasselblad. Lui non si fece pregare, mi accontentò subito e come se stesse sul palcoscenico di un teatro, con estrema disinvoltura cominciò a cantare quello che era stato da sempre il suo cavallo di battaglia: Carmela, interpretandola con grande maestria.

Sergio Bruni cantava per me, chi l’avrebbe mai detto. Io scattai per tutta la durata del brano che il grande cantante eseguì a cappella per intero. Poi sempre molto serio in volto ci salutò e si mise a sedere al suo solito posto e dopo aver acceso ancora una volta l’ennesima sigaretta, cominciò ad ammirare nuovamente con occhi sognanti quella straordinaria veduta di Napoli che aveva di fronte.

Di quell’incontro mi rimane soprattutto il ricordo di un uomo che amava follemente la sua città.

Sergio Bruni - foto Augusto De Luca
Sergio Bruni - foto Augusto De Luca
Sergio Bruni - foto Augusto De Luca
Sergio Bruni - foto Augusto De Luca
Sergio Bruni - foto Augusto De Luca
Sergio Bruni - foto Augusto De Luca

Augusto De Luca, (Napoli, 1 luglio 1955) è un fotografo e performer italiano.

Ha ritratto molti personaggi celebri: Renato Carosone, Rick Wakeman, Carla Fracci, Hermann Nitsch, Pupella Maggio, Giorgio Napolitano.

Studi classici, laureato in giurisprudenza. E' diventato fotografo professionista nella metà degli anni '70. Si è dedicato alla fotografia tradizionale e alla sperimentazione utilizzando diversi materiali fotografici.

Ha esposto in moltissime gallerie e musei, è conosciuto a livello internazionale e ha realizzato immagini pubblicitarie, copertine di dischi e libri fotografici.

Le sue fotografie compaiono in collezioni pubbliche e private come quelle della International Polaroid Collection (USA), della Biblioteca Nazionale di Parigi, dell'Archivio Fotografico Comunale di Roma, della Galleria Nazionale delle Arti Estetiche della Cina (Pechino), del Museo de la Photographie di Charleroi (Belgio).


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×