scrivi

Una storia di Massimo.ferraris

The outsider

Il RE colpisce ancora

281 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 28 novembre 2018 in Recensioni

Tags: #inspiegabile #king #realt #recensione

0

Scorrevole, come l'acqua di un fiume; intenso, come la consistenza del cotone; maledetto, come solo chi ha visto il baratro e poi è tornato indietro può esserlo. Il RE ha colpito ancora, questa volta con un romanzo che è un film racchiuso nelle pagine di un libro. L'ennesimo capolavoro di un autore prolifico da decenni e che non ha mai sbagliato un colpo.

Lo confesso: sono un ammiratore sfegatato del Maestro, non riesco a non leggere ogni sua uscita e attendo con ansia che le librerie lo mettano in vetrina, ma allo stesso tempo sono anche critico, non condividendo alcune sue opere, che hanno un sapore di "dovere", non nei confronti del pubblico, ma delle case editrici.

Lui scrive per contratto, è una pressione enorme, eppure la freschezza che traspare in questo "The outsider" ci fa riscoprire un King dei vecchi tempi, uno che di cose da dire ne ha ancora tante e riesce a scavare nell'animo umano come nessun altro.

Gli si può contestare di essere forse troppo prolisso, di farcire i romanzi di particolari e racconti minuziosi che all'apparenza possono apparire superflui, ma non è così: ogni particolare descritto, ogni azione o vicenda trova la giusta collocazione nella totalità dell'opera. E' un dono, l'apice a cui uno scrittore tende a raggiungere, la capacità comunicativa e l'estro di tenere attaccato il lettore alle pagine di un libro.

Il romanzo è un classico mattone piuttosto pesante e difficile da tenere in mano, ma non ai livelli di "It" o "The dome". Come la maggior parte dei suoi scritti, King ha la maledetta abitudine di presentarci una sfilza notevoli di personaggi, con nomi il più delle volte difficili da memorizzare. Non a caso, durante la lettura, più volte capita di rimanere un istante con la lettura in sospeso, alla ricerca del personaggio perduto, e che comunque stimola il lettore a collegare eventi che si susseguono freneticamente.

Tutto inizia con l'uccisione violenta di un bambino di dieci anni in un parco, un omicidio così efferato che lascia sgomenti gli investigatori. Una morte che sciocca la piccola cittadina in cui vivono i protagonisti della storia.

Il caso sembra praticamente risolto, grazie alla testimonianza di gente normale che riconoscono nella celebrità locale, l'allenatore di baseball, l'omicida.

Il detective Ralph, suo amico, ha ordine di arrestarlo proprio durate la più importante partita della stagione, su ordine del Magistrato, un uomo senza scrupoli ed arrivista con mire politiche.

La bravura di King sta nell'inventarsi un paradosso di per se inestricabile, una vera genialata che da vita ad una storia apparentemente senza soluzioni.

L'assassino si scoprirà presto che nello stesso momento dell'omicidio si trovava in due posti diversi e molto lontani tra loro. Eppure gli esami del DNA, le impronte digitali e le riprese video dimostrano questa ipotesi irreale, quella cioè di una morte impossibile da confermare.

Ralph non si da pace, nonostante il Magistrato voglia insabbiare le prove e in lui sussistano dubbi di una possibile spiegazione paranormale, cosa che rifiuta categoricamente anche se la moglie sembra sempre più convinta di questa ipotesi, e si lascia trascinare in una ricerca in cui si avvicendano figure di primaria importanza, un gruppo unito in grado di soverchiare le dure regole di una società che basa sul potere e l'arrivismo le sue fondamenta.

La storia si snoda senza un attimo di tregua, regalandoci attimi di perfezione narrativa. King non perde un colpo, annoda e srotola vicende, ce le presenta per poi toglierci il piacere della soluzione apparente, sino a condurci per mano verso un finale sconcertante.

Un libro consigliato a tutti quelli che vogliono immergersi in un mondo in cui la realtà apparente assomiglia a ciò che Matrix ci ha rivelato, cioè la percezione che in ognuno di noi alberga sul fatto che l'inspiegabile non sempre ha una ragione razionale.

Buona lettura.



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×