scrivi

Una storia di Wela

Facile no?

Breve storia di autodistruzione premeditata

263 visualizzazioni

2 minuti

Pubblicato il 30 ottobre 2019 in Altro

0

James camminava lungo il solito corridoio del solito motel sgangherato. Era religioso James, aspettava di ricevere l’ostia per il suo peccato. Aspettava di essere assalito dai brutti pensieri. Le giornate per James erano grigie, anche quelle con il sole o l’arcobaleno. C’era tanta pioggia nelle giornate e nei pensieri di James. Aveva bisogno di essere purificato. Sesso dozzinale, lo avrete capito. Puttane sprecate e gioiose come angeli all’inferno. Le puttane. 10 dollari: un’ora e ci si saluta. Cappotto bagnato di ricordi sull’appendiabiti a sinistra, vicino al vecchio giradischi non più in vita. Quattro passi in tondo e una sigaretta accesa. Il desiderio di continuare a fumare finché l’albero appassisce. James. Poca roba. Tante chiacchiere. Al bar ubriaco, nulla di più. “Un altro”. Spalle cadute, un bicchiere arriva dal cielo. Giù ancora negli inferi. Le puttane. Stanza che gira. Farmaci e alcol: brutto assortimento. Come James. Come James e Samantha. Come James e Samantha e Carlos. Come loro due e il giardiniere con il cazzo grosso. Poche storie, tante faccende. Nudi a letto. La mano che trema verso l’armadietto. “No James, non farlo”. Povero armadietto. Lo aveva detto Samantha? O Carlos? O sua madre? O dio agonizzante in lui? Una volta aveva inghiottito una confezione di gorgonzola. Scaduto. Come il suo tempo. Aveva vomitato in terra. Sul suo letto stessa storia vent’anni dopo. Gorgonzola di Samantha e Carlos. Una brutta battuta, poco umorismo. Le puttane. Dieci anni dopo. Scappato dall’altra parte del mondo. Facile. In camera con il cappotto bagnato di ricordi sull’appendiabiti e il giradischi non più in vita e il solito corridoio del solito motel sgangherato e la pioggia anche con sole e arcobaleni e un pensiero. Dare il tempo a Samantha e Carlos. Carlos? Il giardiniere dal cazzo grosso. Facile no? Sua madre? Premi. Guardo fuori. Guarda anche te. Cosa vedi? “Un altro”. Inferno ed angeli. Premi. Facile no? Giornate grigie. Tanta pioggia. Premi. Dare il tempo a Samantha e Carlos? Carlos? Inferno? Dare il tempo a Samantha e Carlos di ambientarsi all’inferno? Facile no? Arcobaleni e sesso dozzinale, con il sole e le puttane. Le puttane. Premi. Dare il tempo di ambientarsi all’inferno e ricomparire. Premi. Dieci anni. Un soffio. “Un altro”. Sesso dozzinale. Premi. Arcobaleni. Cazzo grosso. Premi. Andiamo a rovinargli la festa. Facile no? Premi. Gorgonzola nel solito corridoio del solito motel sgangherato. Premuto. Facile no?


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×