scrivi

Una storia di GeorgeDebilatis

LAVORI. SOCIALMENTE UTILI.

barbecue di uno spirito con frattura

109 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 25 novembre 2019 in Poesia

Tags: #e #guardava #passava #Qualcuno

0

Ho visto Caulfield piantare gerani sul balcone,

fronte imperlata,

sole e intorno il silenzio

tranne me.

Avevo voglia di parlare:

perché adesso si stia dando

una compostezza e un'integrità

che non possedeva.

è sconfitto,

e con una moglie che lo ha ripulito

e messo in buona posizione.

Le bottiglie e le lattine

sono nella spazzatura,

Caulfield finalmente mi vede e sorride,

non allarga nemmeno le braccia

per abbozzare una spiegazione:

fra un po' sarà canicola

e lui si distenderà sul terrazzino

col figlio Sebastiano,

a bearsi il cortile spelacchiato.

Non so chi sbaglia

o chi faccia la mossa giusta,

Io rientro.

Mi faccio la barba dopo due mesi,

e scrivo

BUON NATALE,

con il sangue di un taglietto

sullo specchio.

Poi, senza volere,ne impregno anche le lenzuola,

ma in fondo è un graffio.

Adesso sono capace

di andare a destra,

o a sinistra.

E il sangue, molto velocemente,

si asciuga.


Poi, lasci andare il gatto,

che è libero e profuma

di un ocra verace.

Ti metti al tavolino

per il tuo romanzo

e incroci vite con vite,

sali con spezie,

giglio con mattoni.

Hai tutto

in quella specie di cervello

rigenerato,

e le parole,

adesso stranamente

ti scendono giù, come perline

da un una collana spezzata.

Il casino negli altri posti aumenta

e Tu elabori e rifini, correggi

e inventi.

Buoni momenti questi:

pare che la Terra, persino, trovi

un senso.

Caulfield e i suoi gerani hanno terminato.

Ora prepara la cena

per la moglie psicologa,

poi gioca con il piccolo

e tu pure hai concluso la tua tranche

e ti stendi sul divano

senza televisione accesa,

solo con le prossime stelle addosso.

Qualcuno singhiozza nell'altra ala

ma la tua era spezzata,

e ci è voluta un po' di riabilitazione.

Ti passi la mano sulla testa rasata.

Ti dispiace per il sangue

ma per sorriderti, spesso hai dovuto soffrire.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×