scrivi

Una storia di BeppeGVida

Carteggio tra Carla e Mario

110 visualizzazioni

6 minuti

Pubblicato il 19 giugno 2020 in Storie d’amore

0

Buon giorno cara Carla.

Ho letto i tuoi sms le tue mail ed ho consapevolezza di come vivi questo “transito delle tua vita”, ove ogni tuo tormento trova un pungiball che assorbe lo scatenarsi del tuo sconforto, e ti acquieta.


Sono passati dal nostro primo incontro avvenuto otto mesi e non ti ho mai fatto mancare una parola gentile, non finalizzata e sedare a volte la tua turbolenza; accoglierti con gioia e portarti a vedere le cose con un minimo di realismo, senza essere critico, senza far trasparire di essere contrariato.


Nemmeno oggi lo sono nonostante ne avrei ben donde. Voglio ribattere perché giovi ad un tuo equilibrio che a volte - sempre di notte – è più fuori da ogni buona regola.

Rivendicazioni lagnose: è tempo, che le contraddizioni, spesso già avute rientrino in un ragionevole quanto necessario dibattito garbato, e tutt’altro che accusatorio. Non c’è dolo in ciò che argomenti c’è solo l’incanto che determina l’illusione, che evito di evidenziare perché fin troppo evidente.


Si può, per salute dell’intelletto cavalcare un’illusione, e sognare ciò che rientra nelle bellezze e il conforto, purché nell’ipotetico risveglio, nemmeno la sfumatura di ciò che si è vissuto nel sogno, abbia lasciato traccia, torni l’equilibrio con la realtà che ti attende, a volte matrigna…


A questo punto credo di poterti suggerire di ispezionare con la tua sensibilità di artista ciò che vuoi raggiungere con le tue affermazioni, che sembrano motivare un’irrequietezza nuova, per me; che tipo di compagno vuoi al tuo fianco, e rispettarlo; valutare se potrete essere coesi per percorrere il tempo di vita che rimane prima che dall’ineluttabile scenda il sipario…


Il matrimonio, a cui aspiri che avvenga con certe modalità, il suo collaudo prematrimoniale è già cominciato. E’ possibile interromperlo, quanto sembrava esprimere la tua volontà a seguito la mia? Il ripetersi di incomprensioni a volte - come quella di stanotte a distanza, di un breve periodo? - manifesta la discesa verso la conclusione del nostro rapporto?


Non c’è fretta fammi sapere cosa vuoi fare. Ciao Carla, Tuo Mario.

Continua vai giù col cursore


Autore Beppe G. Vida

14 aprile 2020.




.

Buon giorno caro Mario


La voglia sarebbe quella di cancellarti dalla mia vita… Lo farò appena ne avrò la forza interiore per farlo. Ora ho ancora bisogno di te del tuo amore, caldo, gentile, che mi turba e che mi accende la gelosia col tuo passato: irragionevole, scriteriata però è quello che si paga con i passi falsi in amore due su tre sono azzardi, di cui noi donne, abbiamo bisogno.

Siamo attratte dalla penombra che si cela dietro le parole, che esaltano l’incanto.


Quando frequentavo l’accademia di Brera ero una ragazzina. I miei coetanei non mi attraevano, non mi interessavano troppo clamore per piccole e insignificanti cose, mi interessava altro. Guardavo oltre. Guardavo l’uomo maturo, con esso intravvedevo il futuro.


Così per la parte di vita percorsa i miei uomini sono sempre di età molto maggiore; sia il primo Pietro, dal quale abbiamo avuto una figlia, sia il secondo Francesco dal quale vivo la vedovanza con un ricordo incancellabile… vero angelo custode.


Il nostro incontro, Mario, è stato per me come un fulmine a ciel sereno. Non pensavo di rimettermi in cammino con un uomo così mondano e con un vissuto tanto attraente da farmi vacillare, e riprendere con te un amore intenso che mi fa vivere emozioni perdute o mai avute…


Mi rimproveri fortemente per certe leggerezze formali; mi sostieni nelle mie iniziative di lavoro con stima e fiducia; ti esponi in prima persona dando la tua immagine ai miei prodotti

Ma in con cambio è per una natura come la mia che si ribella alle regole interpersonali, mi schiacci. Preparati perché vorrei uscire da una forza che per il magnetismo mi coinvolge non sarà a breve termine però ti richiamo che analogo amore lo riservo a mia figlia che è la luce dei miei occhi. La mia delusione al momento che uscirò dalla tua vita me la sarò scelta e da sola ti ricorderò per ciò che mi avrai saputo dare sentimentalmente.

A Domenica con la nuova nata della collezione Perla Line by Mister Luna.


Ciao perfido uomo, che amo mio malgrado.

Tua Carla.


14 aprile 2020


Cara Carla

i tuoi accorati messaggi notturni mi hanno colto non di sorpresa. Ieri sera nell'augurarti la buona notte, ho colto una malinconia nella tua voce.

Mi scrivi:

Non riesco a dormire

Sono combattuta da tante cose…

Noi non ci vedremo per tanto tempo


Il lavoro.: l’azienda che dovrei chiudere

per il senso di appartenenza alla comunità,

per il rispetto che devo avere per le sorti

delle persone che mi circondano


Sono in confusione


E poi tu che sei così sereno e così distante… da me

Ho paura che questo virus ci rubi l’amore. La passione

E’ una notte piena di malinconia.

Vorrei chiudere gli occhi per addormentarmi e non pensare a niente.


Non sentirò il tuo profumo, mi ritrovo così io senza di te, la tua voce

mi arriva lontana. E’ un suono caro e dolce che mi riempie il cuore.


Ti sento respirare, c’è tutto il mondo sul tuo viso, poi silenzio…

E ancora silenzio... Ma che dolore volersi bene… Buona notte, C.

^^^

Mia cara

Ho atteso a rispondere alla tua appassionata lettera date le poche ore di sonno che avrai fatto.

Inoltre ho voluto riscrivere quanto avevi fatto nel cuore di una notte drammatica e tragica per molte persone.


L’incombere di un dramma collettivo che angoscia e rabbuia il futuro di tante persone, è piombato inatteso

Mutando progetti attività equilibri.

Tuo Mario

^^^

Percorrendo nel ripetere riscrivendo quanto hai scritto stanotte mi sono visto riconoscendomi qua e la.

Però deve soffermarmi sulle tue affermazioni, non c'è posto nel mio futuro senza di te. Mi ricorda un passo di un poesia musicata da Jovanotti dove dice di averla trovata… che poi come un aeroplano …

Parafrasando invertendo, mi avevi trovato senza un progetto di futuro, tu hai riportato indietro l’orologio del mio tempo, mi hai dato l’amore che naturalmente ha velato il passato come illusione e mi hai portato a fare progetti a tempo scaduto.


Tu non sei sola, la tua vita è ricca di presenze significative. Sei mamma, sei un’imprenditrice innovativa e affermata. Porti con te l’ottimismo ovunque vai… Hai me che ti guarda con la passione, l’amore incondizionato

Non sono distante abito la porta accanto… solo nei romanzi, anche di scrittori affermati che sfiorano la realtà, non trovi dolcezze, lacrime, sofferenze, felicità alternarsi. Basterebbe rileggere il romanzo (già citato in uno dei messaggi che ti ho inviato) Gabriel Garcia Marquez “L’amore al Tempo del Colera”. E’ più vita reale quella che vede persone coraggiose che non le ferma nulla, e nessuno – eccetto l’ineluttabile – prendere in mano la vita e riprendere il cammino, fra mille e più difficoltà, e ripartire, ritrovare con la passione che occorre e arrivare dove sei arrivata tu.


Insieme per sempre camminando mano nella mano affronteremo quello che succederà… Un mese cosa è per noi ? Tenere duro … Ciao Amore sii serena: inventati , con la fantasia, di essere felice felice…


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×