scrivi

Una storia di Filippodilella

Bollettino dall'aldilà

La ristrutturazione del paradiso e la crescita del pil

118 visualizzazioni

5 minuti

Pubblicato il 09 giugno 2020 in Humor

Tags: #paradisooperaiocronachedellaldil

1

La rivolta dell'aldilà ha cambiato un po' di cose, ad esempio sapevamo da Dante che il paradiso era diviso in zone per ordine di santità e purezza; oggi non è più così, il paradiso è diventato una sorta di specchio della società umana.
Dopo il cambio ai vertici, il nuovo consiglio di amministrazione ha deciso di raggruppare in termini strategici le anime che giungono al paradiso, tagliando i costi di un intero cielo e realizzando una sforbiciata al budget di ben un settimo del totale, pari a circa il 14,2 punti percentuali. Inutile dire che il titolo in borsa è schizzato letteralmente alle stelle.
- Questa razionalizzazione, - ci spiega l' Ad, Dott. B., - Ha tenuto conto di molti fattori, tra cui le abitudini dei nostri consumatori, l'esigenza di un cambiamento radicale in vista dei giorni a venire, la mission e la vision aziendale e, naturalmente, delle esigenze dei nostri investitori. Nel dettaglio abbiamo modificato o eliminato quei settori che non risultavano performanti garantendo così una maggiore resa dal punto di vista del roi (return of investment, ndr) e, nel contempo, un impatto sui costi di produzione significativamente più contenuto. -
Ma vediamo nei particolari questa nuova composizione che promette un nuovo miracolo economico, in ordine dall'alto al basso:
la zona più alta è occupata dai re, i papi e gli imperatori, segue la zona dei nobili e degli ordini ecclesiastici, poi c'è l'area dedicata ai ricchi e ai governanti, la quarta è chiamata paradiso operaio, subito dopo il paradiso operaio viene la zona dei poveri e dei penitenti e per ultima, la zona paradiso per i bambini, i non nati e gli animali.
L'ultima zona è senz'altro la più curiosa dal punto di vista architettonico, come ci spiega l'ingegnere a capo del progetto, Dott. R., - Avevamo molte esigenze diverse da soddisfare, è stata una vera sfida da molti punti di vista. Anzitutto si doveva garantire spazio e sicurezza per le diverse identità e specie coinvolte e poi si doveva tenere conto che essendo il piano più basso del paradiso, tutti gli impianti funzionali (scarichi, elettrico, riscaldamento, ecc.. ndr) dovevano necessariamente passare di lì. Da queste premesse si è subito capito che la ristrutturazione avrebbe dovuto coinvolgere anche le altre macroaree dei piani sottostanti, ciò ha significato correggere la previsione di spesa della fase iniziale. -
Ma andiamo con ordine; con un'estensione pari a cinque universi a pianta circolare, quest'area era destinata ad accogliere un numero sorprendente di anime. Il progetto finale, così come lo conosciamo oggi, trae ispirazione da un famoso zoo nelle vicinanze di Bergamo che prevede due grandi aree centrali circondate da aree più piccole, tutte divise da cumulonembi a pianta quadrata o rettangolare su un impiantito di cirri. Alcune vasche con botole posizionate in punti strategici raccolgono le deiezioni e i rifiuti di tutti i piani collegati tra loro da appositi scivoli; i rifiuti vengono poi divisi per categoria e convogliati nelle diverse aree tematiche dei piani sotterranei creando un circuito virtuoso di riciclo. Ad esempio, lo scarico di aria calda dell'aria condizionata viene effettuato negli inferi dove contribuisce alla diminuzione dell'uso di combustibili fossili, viene convertito in energia eolica sfruttando l'effetto delle correnti calde e l'energia elettrica, così ottenuta, viene ridistribuita a tutto l'impianto, compreso il condizionamento.
- Nel paradiso non avevamo certo spazio (o intenzione? ndr) per ospitare pazzi e disadattati, - ci spiega il commissario per l'ammissione celeste, Dott. C.V., - Così si e deciso di sfruttare lo spazio vuoto venutosi a creare in seguito alla riorganizzazione del limbo. Una volta imbottito con una consistente presenza di nembi e insonorizzato a dovere, è risultato perfetto. -
Ma cosa possono dirci i vertici di questa impresa faraonica riguardo al cosiddetto paradiso operaio?
- Beh, il concept è molto semplice, - dichiara l'addetto alle relazioni pubbliche,

Un azionista esterrefatto dalla crescita del titolo poi sospeso per eccesso di rialzo
Un azionista esterrefatto dalla crescita del titolo poi sospeso per eccesso di rialzo

Dott. E.R. Galvans, - Non volevamo modificare troppo l'habitat naturale dei suoi abitanti, così ci siamo concentrati sull'essenzialità della loro natura. In pratica abbiamo realizzato un ambiente che riproduce in modo fedele le condizioni allo stato brado aumentando quel tanto che basta la paga oraria e concedendo una riduzione dell'orario lavorativo a sei ore al giorno; inoltre abbiamo notato una difficoltà nell'adattamento alle nuove condizioni, abbiamo così introdotto due importanti elementi affiliativi, se mi passa il termine: il primo e più ovvio è la presenza delle assistenti alle necessità particolari, il secondo è ciò che si può definire il vero colpo di genio dell'amministrazione, ovvero dal paradiso operaio in su, tutti gli ambienti sono concepiti in base all'ordine successivo desiderato dalla categoria di anime che li abita in modo da poter tenere, da un lato delle aspettative di crescita e miglioramento, da un altro la demarcazione netta tra gli ambienti e in ultima istanza, la consapevolezza dell'eventualità di una, come dire, retrocessione ecco. -
In conclusione, - Noi non crediamo più nel premiare le buone azioni o una condotta onorevole, quelle sono nozioni superate. Il paradiso si conquista con il lavoro e l'impegno, noi premiamo il merito. - , ci rassicura il responsabile dell'ufficio personale, Dott. S., - Abbiamo il compito di scremare chiunque non sia degno e di accogliere tutti quelli che dimostrano dinamicità, dedizione e spirito di squadra. -
Insomma, l'aldilà sembra davvero avviarsi ad essere l'ultima frontiera dell'azienda moderna e con la partenza dei lavori della superstrada Torino-Purgatorio prevista entro luglio, il sogno di molti investitori sta per realizzarsi.
Se è vero che il rilancio economico passa per l'innovazione e lo sviluppo, allora il futuro non è mai stato così luminoso e non ci resta che attendere, fiduciosi, i nuovi rapidi aggiornamenti da questi coraggiosi imprenditori.


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×