scrivi

Una storia di GioMa46

Questa storia è presente nel magazine TUTT'ALTRE STORIE

Dark Angels

Sì, quello che un tempo pensavamo impossibile è infine accaduto.

284 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 02 giugno 2020 in Poesia

Tags: #Angeli #Male #Guerra #Razzismo #Diversit

0

L'Angelo della Guerra
L'Angelo della Guerra

Premio Miglior Testo 2008 in "Darkworld Competition".

Dark Angels


C'è un Angelo chinato su di un libro
la faccia oscurata dalla sua stessa ombra
che sottolinea con una penna nera ogni ragione
blatera sentenze e spinge alla violenza
contro ogni ordine precostituito

le sue leggi sfuggono al controllo
e già nelle città altri angeli caduti
s'aggirano peccaminosi in cerca d'anime inviolate.

Roma - Castel S.Angelo
Roma - Castel S.Angelo

C’è un Angelo con la spada sguainata

che vige affinché l’orrore di questa umanità negata

si ribelli e gridi violate.. soffocate.. distruggete..

dovunque ci siano anime abbandonate per le strade

cui l'ingiustizia e la fame la facciano da padrone
dovunque si sventolino bandiere di pace e fratellanza

da reprimere col fucile e col cannone

dovunque si disegnino confini.

Io dico sì, quello che un tempo pensavamo impossibile è infine accaduto
in verità sì, tutti quanti volevamo che accadesse.

Angelo caduto sulla terra
Angelo caduto sulla terra

C'è un Angelo che diffonde veleni di morte

che insidia questo nostro tempo con epidemia virale

che restituisce un'immagine buia d'ogni emulo pensiero
sul fronte dell'odierna globalizzazione

che sputa su quella che chiamiamo democrazia

dove la terra si rimescola alla terra

al fango e ai corpi putrescenti

aspettando il giorno in cui saremo tutti estinti.


Angelo caduto.
Angelo caduto.

C’è un Angelo seduto sopra al mondo

che osserva muto e annota con una penna d’oro

tutto ciò che non avremmo mai dovuto credere

che alienati.. deviati.. allucinati.. abbiamo finito per credere
che un giorno avremmo abbattuto ogni singolo muro

ogni rete ogni gabbia ogni diversità

di poter raggiungere quell'essere infinito che noi tutti siamo
luogo di vuoto o forse d'assoluto (?)

Io dico no, anche se noi tutti pensavamo che infine sarebbe stato possibile
che fossimo capaci di poter fare tutto ciò che non eravamo capaci di fare.


Roma - Il Ponte egli Angeli
Roma - Il Ponte egli Angeli



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×